Vaiolo: debellato il virus umano…

Il virus del vaiolo bovin…

La perfezione della ragnatela po…

Sottile, quasi invisi…

IV CONVEGNO ASSOGENERICI - Gener…

I principali attori della…

Cellule staminali per riparare d…

[caption id="attachment_1…

Morbo di Creutzfeldt-Jakob: l'Is…

Uno studio dell'Istituto …

Cannabis terapeutica: farmacie p…

Ci sarebbe i "I titolari …

AIDS: creato un modello di virus…

Il virus dell'Hiv causa l…

I dati relativi all’impiego, in …

Milano, 29 ottobre 2013 –…

Asma: alcuni farmaci anti-colest…

I sintomi dell'asma posso…

Merck Serono Leader nell’Innovaz…

·         La nuova ve…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Ortopedici: fratture rallentano guarigione per colpa di alcol e fumo

Ogni anno si stima che circa il 15% delle fratture, poco piu’ di 90.000 specialmente di gamba e di avambraccio, tardino a guarire ed evolvano in pseudoartrosi, cioe’ non consolidino.


E’ quanto emerge dal 98° Congresso della Societa’ Italiana di Ortopedia e Traumatologia (SIOT) in corso di svolgimento a Genova. “La consolidazione di una frattura – spiega il dottor Federico Santolini, dell’ospedale San Martino di Genova e presidente del Congresso – e’ un processo lungo e complesso che a differenza di quanto avviene negli altri tessuti non porta alla guarigione per cicatrice ma a una vera e propria rigenerazione dell’osso. Questa rigenerazione e’ la tappa finale di un processo lungo e complesso (la formazione del callo osseo) che inizia immediatamente dopo la frattura ed e’ modulato da numerosi fattori di crescita cellulari”.
Qualsiasi evento che interferisca con questo processo puo’ rallentarlo o inibirlo completamente: senza callo osseo la frattura non guarisce ed il malato precipita in uno stato di invalidita’ accompagnato da gravi problemi psicologici e sociali. Secondo uno studio promosso dalla SIOT, la fascia di popolazione piu’ a rischio e’ costituita da giovani tra i 20 e i 45 anni con fratture esposte, cioe’ dove l’osso, spesso a causa di traumi ad alta energia e’ uscito fuori dalla cute. I problemi vascolari e l’infezione che ne puo’ conseguire sono cause importanti di non guarigione della frattura, come pure possono esserlo difetti di riduzione e di sintesi chirurgica.

“Tali parametri – sottolinea Santolini – devono sempre essere accuratamente valutati nell’inquadramento di una frattura che nei tempi normali presenta un’evoluzione lenta tuttavia, in assenza di difetti evidenti le cause possono essere di tipo diverso, per esempio un problema genetico che causa un’insufficiente sintesi dei fattori di crescita, una malattia concomitante e, non da ultimo, cattive abitudini di vita del paziente stesso, come scarsa adesione alle prescrizioni del curante o assunzione di alcool, droghe e fumo. Il fumo, in particolare, si e’ dimostrato uno dei maggiori determinanti del rischio di cattiva guarigione di una frattura, in grado di innalzarne significativamente le percentuali che, nei fumatori, possono arrivare sino al 30%.

Il trattamento di questi pazienti si avvale oggi di tecniche moderne ed affidabili, ma rimane fondamentale il rapporto medico-paziente, con una spiegazione chiara da parte del medico su quando camminare, quanto e come caricare o utilizzare il segmento interessato dalla frattura, ma anche con l’osservanza delle prescrizioni da parte del paziente. “Se la frattura non si consolida quasi sempre – conclude l’ortopedico – le responsabilita’ ricadono alla fine sempre e solo su noi medici. Basterebbe a volte un po’ di buon senso da parte di tutti per evitare spiacevoli conseguenze”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi