La rete europea LeukemiaNet agev…

I ricercatori europei con…

Premio Galeno 2009 per la prima …

Raltegravir, farmaco anti…

AIDS: cure immediate guariscono …

Un nuovo eccezionale colp…

Tumori: particolare proprietà de…

Alcuni ricercatori del Fr…

Piorrea: studi e scoperte verso …

La struttura e il meccani…

Paralisi facciale: le emicranie …

L'emicrania puo' raddoppi…

Seni "rifatti" under 18 adesso p…

Mai più "ritocchini" al s…

Ulcera gastrica curata con le na…

Un paziente con una grave…

'Il Pillolo', contraccettivo mas…

Dopo anni di sperimentazi…

Fibrosi cistica: malattia geneti…

La lotta alla fibrosi cis…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tubercolosi: nuovo vaccino efficace e sicuro

È il risultato della prima sperimentazione clinica, pubblicata su Science Translational Medicine

Un nuovo vaccino per sconfiggere la tubercolosi: a metterlo a punto è stato un gruppo di ricercatori della McMaster University di Hamilton, in Canada, che grazie ad uno studio pubblicato su Science Translational Medicine ne hanno dimostrato sicurezza e capacità di stimolare la risposta immunitaria nell’uomo.Mycobacterium_tuberculosis

“La tubercolosi è un serio pericolo per la salute pubblica – spiega Fiona Smaill, primo autore dello studio – Un terzo della popolazione mondiale è infettato dal microrganismo che la causa, e rimane la principale infezione che uccide le persone, seconda solo all’Hiv, ma il vaccino attualmente utilizzato per prevenirla è inefficace”. Infatti con il passare degli anni il Bacille Calmette Guerin (Bcg), il vaccino che dagli anni ’20 del secolo scorso viene utilizzato per immunizzare contro il Mycobacterium tuberculosis, perde la sua efficacia. A questo inconveniente si aggiunge l’esistenza di diversi ceppi del batterio resistenti ai farmaci a disposizione. “Come medico che si occupa di pazienti affetti da tubercolosi – osserva Smaill – capisco quanto sia importante riuscire a controllare questa infezione con un buon vaccino”.

I risultati ottenuti sono molto incoraggianti: il nuovo vaccino, ottenuto modificando un virus che scatena un semplice raffreddore, è stato testato testato su 24 volontari, dimostrando di stimolare una forte risposta immunitaria nella maggior parte degli individui, soprattutto in chi è ha ricevuto già in passato il vaccino Bcg.

“Siamo i primi ad aver sviluppato un vaccino di questo tipo contro la tubercolosi”, sottolinea Fiona Smaill. Prima di poterlo utilizzare di routine sarà però necessario confermarne l’efficacia in studi più ampi.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi