Dal liquido amniotico prelevare …

[caption id="attachme…

Boehringer Ingelheim ha sottomes…

• La prima sottomiss…

Ftalati in età pediatrica respon…

L'esposizione a sostanze …

Termites' digestive system could…

One of the peskiest h…

Dall'ormone della fame un aiuto …

Scoperta una nuova via me…

Herpes zoster: studi lo consider…

[caption id="attachme…

Glioblastoma: studio del CNR spi…

È un tumore cerebrale che…

Ospedali di qualità a misura di …

Esce oggi il nuovo bando …

L’Italia dice addio alla fenform…

L’allarme, lanciato …

Pillole con estradiolo naturale:…

Contraccezione orale su m…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

AIDS: un nuovo vaccino sconfigge il virus sulle scimmie, testato e riuscito

La sperimentazione della Harvard Medical School, pubblicata su Nature. “Effetto di questi anticorpi è molto profondo e dura fino a 250 giorni”. Verrà provato anche sull’uomo.

Un vaccino sperimentato sulle scimmie è riuscito a eradicare completamente il virus dell’Hiv. Sono bastati pochi giorni e un mix di anticorpi per eliminare il virus nel sangue delle cavie da laboratorio. Lo studio, pubblicato su Nature, è stato coordinato dal professor Dan Barouch della Harvard Medical School di Boston. Presto il test verrà provato sull’uomo. Il gruppo di esperti è convinto che la scoperta potrebbe rivoluzionare le ricerche e portare a nuove cure. Si tratta del secondo vaccino con effetti positivi, dopo quello provato recentemente dai ricercatori della Oregon Health and Science University  .

“L’effetto di questi potenti anticorpi è molto profondo e con risultati mai visti fino ad oggi. Non è stato mai provato un antivirale di tale portata”, commenta il professor Dan Barouch della Harvard Medical School. A sperimentare il vaccino sono stati due diversi gruppi di lavoro: il primo alla Harvard Medical School e il secondo alla National Institute of Allergy and Infectious Diseases.

“‘I nostri dati dimostrano per la prima volta che c’è stata una profonda efficacia terapeutica di potenti Hiv-specifici anticorpi monoclonali nelle scimmie cronicamente infettate da un altamente patogeno virus di immunodeficienza comune a scimmie e uomini”, aggiunge Barouch. Il virus in questione è una versione delle scimmie dell’Hiv umano.

“Un effetto rapido”. Barouch e colleghi hanno somministrato un cocktail di Hiv-specifici anticorpi monoclonali o singoli anticorpi monoclonali su una ventina di scimmie infette. Il trattamento ha portato a un rapido declino del virus sia nel sangue che nei tessuti. Infatti nel giro di tre giorni o al massimo una settimana, il virus scompariva. L’effetto durava per circa 3 mesi, ma in un gruppo di scimmie era ancora più potente, resistendo fino a 250 giorni. “Per ora il vaccino funziona sugli animali e non è stato sperimentato sull’uomo – aggiunge Barouch -. Lo faremo presto. C’è un passo avanti nella ricerca: gli anticorpi sono riusciti ad ‘attaccare’ il virus in parte dei tessuti dei macachi”. Nelle cure contro l’Aids si riesce già oggi a eliminare il virus nel sangue, ma non nel resto del corpo.

L’altro vaccino. Solo poco più di un mese fa un gruppo di ricercatori della Oregon Health and Science University  aveva diffuso i risultati di un’altra sperimentazione simile. Anche qui i ricercatori avevano ottenuto risultati positivi sperimentando un vaccino contro l’Aids sulle scimmie. In quel caso il test era stato fatto su una forma aggressiva di virus chiamato SIVmac239, che è fino a 100 volte più letale di HIV .

Lo studio italiano. Da anni si cercano cure per combattere l’Aids e sono numerosi gli studi per trovare un vaccino efficace. A luglio un gruppo di esperti dell’Istituto Superiore di Sanità coordinati da Andrea Savarino, insieme a colleghi della Duke University nel North Carolina, hanno prodotto la remissione della malattia in macachi, curandoli con un mix di farmaci contenente oltre agli antiretrovirali, altre due sostanze.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!