Malattie uomo-donna: differenze …

ROMA - L'ansia e la depre…

E’ nata WAIDID, l'Associazione M…

il debutto al Summit di…

Misurazioni cerebrali: ricercato…

I ricercatori in Finlandi…

Il processo di generazione di nu…

[caption id="attachment_2…

Abiraterone acetato: aumenta sig…

[caption id="attachme…

Ottenuta albumina umana da chicc…

Un team di ricercatori ci…

Calcoli alla colecisti, un probl…

Calcoli alla colecisti, u…

Nelle insuline ‘con il cervello’…

Le ultime ricerche vann…

Cancro al fegato: vaccino vaiolo…

- Un farmaco ottenuto d…

Presbiopia: si può curare col la…

Mantenere giovane la vist…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Geni “lontani” dalle aree del genoma implicate, sono risolutivi nello studio di malattie cerebrali

Vicini di casa a sorpresa: alcuni geni che sulla mappa del Dna sembrano abitare in ‘quartieri’ molto lontani, si ritrovano in realtà ‘vicini di casa’ a causa del ripiegamento che il Dna assume dentro il nucleo della cellula.


Tra di loro è presente una fitta rete di interazioni fisiche finora sconosciuta che sembra regolare l’accensione e lo spegnimento dei geni stessi: ascoltare e interpretare le loro ‘chiacchiere di condominio’ potrebbe dunque rivelarsi molto utile per capire i meccanismi alla base dello sviluppo di organi come il cervello e le malattie che lo colpiscono.  La scoperta, pubblicata su Nature, è frutto di una ricerca condotta presso il Joint Genome Institute del Lawrence National Laboratory a Berkeley, a cui hanno collaborato anche i genetisti dell’università di Milano-Bicocca. La ragnatela di connessioni fisiche interne al Dna assomiglia alla rete del traffico aereo mondiale, dove i super trafficati aeroporti-hub (come Parigi, Londra e New York) regolano il funzionamento dell’intero sistema. Nel nucleo della cellula alcuni geni ‘hub’ si connettono fisicamente a decine e centinaia di altri geni che appaiono essere, almeno in parte, coregolati. Il sistema è stato scoperto con una tecnica che consente di isolare le sequenze di Dna distanti sulla mappa lineare del genoma che si ritrovano però a stretto contatto nel nucleo. La tecnica è stata usata per analizzare cellule staminali embrionali e cellule staminali neurali.

I risultati dimostrano che i due tipi cellulari differiscono profondamente riguardo a queste interazioni e, in particolare, che i geni che mostrano queste interazioni sono più attivi degli altri. I ricercatori dell’università Bicocca hanno dato il loro contributo ottenendo e analizzando cellule staminali neurali di cervello di topo. ”La lista dei geni che mostrano interazioni – spiega la genetista Silvia Nicolis – include molti geni coinvolti nello sviluppo normale del cervello o in malattie ereditarie del cervello nell’uomo”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!