Il citoscheletro: ecco come orga…

I movimenti delle protein…

Ecco come il diabete riscrive la…

[caption id="attachme…

[Telethon] Un trucco molecolare …

[caption id="attachment_6…

Studio mette in rilievo affinità…

Chi si somiglia si piglia…

La cultura "di ferro" anti-anemi…

Le ragazze italiane a…

Diabetici: si usano i vermi per …

Un nuovo trattamento co…

Le radici genetiche della schizo…

Un nuovo studio ha consid…

Un nuovo strumento per parlare d…

Bari, 22 novembre 2013 – …

Tumore al seno: cellule staminal…

Uno studio coordinato dal…

Neuroprotesi più accurate e più …

In un nuovo articolo, un …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Paraplegici: la robotica in aiuto, con dispositivi collegati direttamente al cervello

Un sistema che unisce gli impulsi cerebrali alle abilita’ robotiche potrebbe presto fornire la capacita’ di camminare alle persone con le gambe paralizzate.

Si tratta di una nuova ricerca descritta sulla rivista Nature condotta da Jose’ Contreras-Vidal dell’Universita’ di Houston in Texas. Lo studio sta cercando di connettere le onde cerebrali umane all’esoscheletro di Rex Bionics, robot indossabile disponibile in commercio che permette ai paraplegici di camminare lentamente e perfino di salire le scale. Gli scienziati utilizzano le informazioni fornite dalle onde cerebrali per controllare l’esoscheletro.   Gli esoscheletri attualmente disponibili usano il computer per dirigere i loro movimenti ma, sostiene Contreras-Vidal, il ricorso alle onde cerebrali migliora di molto il controllo dei movimenti: “Con la connessione al cervello, il robot diventa letteralmente parte dell’uomo”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi