Cancro al seno: il numero di sta…

[caption id="attachment_5…

Chemioterapia: presto un gelato …

Un gelato amico dei malat…

Tricotillomania e dieta: quale l…

[caption id="attachment_1…

Mammografia in 3D: diagnosi tumo…

Una nuova tecnica di mamm…

AssoGenerici: “Soddisfazione per…

Roma, 4 dicembre 2012 - A…

Quando il tessuto adiposo raggiu…

[caption id="attachment_9…

Radioterapia controllata per lim…

Già in uso nella NASA, un…

Danni renali acuti: pronto un ki…

[caption id="attachm…

Cellule della pelle in neuroni: …

La trasformazione dei f…

Cellule staminali riprogrammate:…

Le cellule staminali 'rip…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Paraplegici: la robotica in aiuto, con dispositivi collegati direttamente al cervello

Un sistema che unisce gli impulsi cerebrali alle abilita’ robotiche potrebbe presto fornire la capacita’ di camminare alle persone con le gambe paralizzate.

Si tratta di una nuova ricerca descritta sulla rivista Nature condotta da Jose’ Contreras-Vidal dell’Universita’ di Houston in Texas. Lo studio sta cercando di connettere le onde cerebrali umane all’esoscheletro di Rex Bionics, robot indossabile disponibile in commercio che permette ai paraplegici di camminare lentamente e perfino di salire le scale. Gli scienziati utilizzano le informazioni fornite dalle onde cerebrali per controllare l’esoscheletro.   Gli esoscheletri attualmente disponibili usano il computer per dirigere i loro movimenti ma, sostiene Contreras-Vidal, il ricorso alle onde cerebrali migliora di molto il controllo dei movimenti: “Con la connessione al cervello, il robot diventa letteralmente parte dell’uomo”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!