Infertilita' maschile: tra le po…

[caption id="attachment_9…

Menopausa: tracciata la prima ma…

Rilasciata la prima 'Mapp…

Psoriasi: consulenza dermatologi…

Da oggi sul portale Psori…

HPV: potrebbe essere causa di in…

Non solo un'insidia in ro…

Cocomero: protegge da preiperten…

[caption id="attachment_9…

Autismo: metà cause genetiche, m…

La ricerca del Karolinska…

Tumori: basta un test del sangue…

Per diagnosticare un canc…

Bayer amplia la ricerca clinica …

Nuovi studi estendono la …

La bambina guarita completamente…

La neonata negli Stati …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Paraplegici: la robotica in aiuto, con dispositivi collegati direttamente al cervello

Un sistema che unisce gli impulsi cerebrali alle abilita’ robotiche potrebbe presto fornire la capacita’ di camminare alle persone con le gambe paralizzate.

Si tratta di una nuova ricerca descritta sulla rivista Nature condotta da Jose’ Contreras-Vidal dell’Universita’ di Houston in Texas. Lo studio sta cercando di connettere le onde cerebrali umane all’esoscheletro di Rex Bionics, robot indossabile disponibile in commercio che permette ai paraplegici di camminare lentamente e perfino di salire le scale. Gli scienziati utilizzano le informazioni fornite dalle onde cerebrali per controllare l’esoscheletro.   Gli esoscheletri attualmente disponibili usano il computer per dirigere i loro movimenti ma, sostiene Contreras-Vidal, il ricorso alle onde cerebrali migliora di molto il controllo dei movimenti: “Con la connessione al cervello, il robot diventa letteralmente parte dell’uomo”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi