Carcinoma prostatico, arriva il …

Carcinoma prostatico, una…

Antidoto per rivaroxaban. Porto…

L’insieme di dati, con le…

Uova a zero rischio allergia: nu…

I ricercatori della Deaki…

Dal CNR, Epilessia infantile: di…

Comunicato stampa - Dall’…

Alzheimer: uno dei primi segni è…

Gli individui hanno piu' …

Mini-ictus riducono le aspettati…

Un 'mini-ictus', un attac…

Medicina rigenerativa: cellule e…

[caption id="attachment_8…

La sentenza sul caso austriaco i…

SINTESI DELLO STRALCIO DI…

Virus geneticamente modificato p…

Ricercatori Usa e Canades…

[SIAMS]Terapia con FSH nel masch…

Una coppia viene defini…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tecniche imaging per predire la risposta delle cure contro i tumori

Tecniche di imaging avanzate come la VAI (vessel architectural imaging), che punta sull’analisi delle variazioni delle vene, possono predire la reazione di un tumore ai farmaci antiangiogenici, aiutando i medici a distinguere quali pazienti affetti da glioblastoma possono reagire positivamente ai trattamenti e quali no.


Lo ha dimostrato una nuova ricerca del Massachusetts General Hospital riuscendo a monitorare le reazioni dei pazienti alla terapia con il farmaco antiangiogenico cediranib.   Dalle osservazioni e’ emerso che coloro che reagiscono rapidamente normalizzando i vasi sanguigni anomali intorno ai tumori e aumentando il flusso sanguigno all’interno degli stessi sopravvivono molto piu’ a lungo dei pazienti che reagiscono al cediranib non incrementando il flusso. La ricerca, apparsa sulla rivista Pnas, rivela che attraverso le tecniche piu’ sofisticate di imaging e’ possibile identificare i pazienti che reagiscono bene all’antiangiogenico normalizzando il sistema vascolare del tumore, incrementando cosi’ l’efficacia di chemioterapia e radioterapia.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi