Sclerosi multipla: prima volta s…

La ricerca italiana segna…

Pediatria: boom di malattie inte…

Boom di ‘Mici’ tra i bamb…

Asma: con immunosoppressori migl…

Un tipo di asma cronica …

Fumatori: maggiore il rischio di…

I consumatori di tabacco,…

Monza doppio trapianto arti: usa…

[caption id="attachment_9…

HIV: cronologia di una lunga ric…

[caption id="attachment_3…

Una molecola comanda intervento …

Una molecola 'richiama' l…

Rivaroxaban di Bayer ha ridotto …

Presentati al Congresso E…

Alimentazione corretta, attività…

Nell’imminenza dell’Expo …

HIV: con antiretrovirali, ottenu…

I trattamenti antiretrovi…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tecniche imaging per predire la risposta delle cure contro i tumori

Tecniche di imaging avanzate come la VAI (vessel architectural imaging), che punta sull’analisi delle variazioni delle vene, possono predire la reazione di un tumore ai farmaci antiangiogenici, aiutando i medici a distinguere quali pazienti affetti da glioblastoma possono reagire positivamente ai trattamenti e quali no.


Lo ha dimostrato una nuova ricerca del Massachusetts General Hospital riuscendo a monitorare le reazioni dei pazienti alla terapia con il farmaco antiangiogenico cediranib.   Dalle osservazioni e’ emerso che coloro che reagiscono rapidamente normalizzando i vasi sanguigni anomali intorno ai tumori e aumentando il flusso sanguigno all’interno degli stessi sopravvivono molto piu’ a lungo dei pazienti che reagiscono al cediranib non incrementando il flusso. La ricerca, apparsa sulla rivista Pnas, rivela che attraverso le tecniche piu’ sofisticate di imaging e’ possibile identificare i pazienti che reagiscono bene all’antiangiogenico normalizzando il sistema vascolare del tumore, incrementando cosi’ l’efficacia di chemioterapia e radioterapia.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!