Dalla cataratta al glaucoma: Mil…

Glaucoma e diabete so…

Mal di schiena: ereditario nel 5…

Un 'fardello' che, in cir…

L'impatto dell'epigenetica sui d…

Le malattie neuropsichiat…

Cellule staminali: subìto il dan…

Un nuovo studio della Joh…

AIDS: un antibiotico insieme a a…

[caption id="attachment_6…

Procreazione assistita: autorizz…

[caption id="attachment_5…

iHealth: squadra al servizio del…

iHealth, l’avveniristica …

Mammografie: esperti riscontrano…

Fino a un quarto dei casi…

CNR: Studi ad alta quota per meg…

Verificare l'ipotesi seco…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

AIDS: nuovo approccio per combattere la proliferazione del virus

Identificato il meccanismo che uccide una specifica tipologia di cellule immunitarie dopo l’infezione da virus dell’immunodeficienza umana (HIV).


“Protagonista” dell’importante processo e’ la caspasi 1, proteina la cui attivazione porta alla piroptosi, necrosi cellulare infiammatoria che interessa le cellule responsabili delle difese. La scoperta potrebbe portare alla creazione di un nuovo approccio terapeutico diretto all’ospite contro la proliferazione dell’HIV.
Precedenti ricerche avevano attribuito alla caspasi 3 e all’apoptosi indotta dalla proteina – fenomeno di autodistruzione delle cellule – la principale responsabilita’ della morte delle cellule CD4+ in seguito all’infezione da HIV.HIV
Dai dati raccolti dalla ricerca condotta da Warner Greene del Gladstone Institute of Virology and Immunology, a San Francisco, la caspasi 1 emerge come il driver principale del collasso di queste cellule immunitarie. Lo studio pubblicato su Nature dimostra, inoltre, che un inibitore della caspasi 1 potrebbe inibire la morte delle cellule CD4+, inibitore che potrebbe costituire un’inedita strategia terapeutica contro l’HIV non rivolta al virus ma all’ospite. (AGI) .

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi