Il carboidrato "buono" e la cart…

Dio salvi gli spaghet…

Il Virus dell'HIV potrebbe avere…

Le origini del virus dell…

Papilloma virus oltre il 50 perc…

I ricercatori hanno esami…

Obiettivo raggiunto per il Proge…

Il Progetto Homeless, ini…

E-cig: benzene nelle ricariche c…

Benzene nelle ricaric…

Caffeina e potenziamento muscola…

La caffeina aiuta i musco…

Nel corso del Congresso ECTRIMS …

12 settembre 2016 Nel co…

Con padre anziano figli più espo…

I padri che concepiscono …

Chiralità delle molecole: un nuo…

Un gruppo di ricercator…

Sonno disturbato compromette i p…

La scarsa qualità del son…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: variante genetica che raddoppia incidenza esordio tardivo

Alcune variazioni in un gene chiamato fosfolipasi D3 (PLD3) potrebbero raddoppiare il rischio di un esordio tardivo della malattia di Alzheimer.


A dirlo uno studio della Washington University di Saint Louis pubblicato sulla rivista Nature. Secondo la ricerca, il PLD3 potrebbe avere un ruolo nell’elaborazione delle proteine beta-amiloidi, che sono molto elevate nei pazienti con l’Alzheimer, e questo gene offre un potenziale nuovo bersaglio terapeutico. alzheimerCarlos Chunga e colleghi hanno effettuato un sequenziamento completo di alcune porzioni di Dna che sono trattati dall’Rna messaggero (chiamati essoni) di 29 persone affette dalla malattia e 11 in salute, tutti provenienti da famiglie con una storia di esordio tardivo di Alzheimer.

Gli scienziati hanno cosi’ identificato una rara variante del gene PLD3 che aumenta significativamente il rischio di esordio tardivo della malattia; inoltre, piu’ alti livelli di PLD3 risultavano in una minore quantita’ di proteina beta-amiloidi e minori livelli avevano l’effetto opposto.

1
Lascia una recensione

avatar
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
0 Comment authors
Ultime notizie in campo medico - Alzheimer Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
trackback

[…]  Alzheimer e variante genetica (clicca qui per leggere) […]

Archivi