Fitoterapia e Integratori in aiu…

Gli studi e le evidenze s…

Pancreatite autoimmune: individu…

[caption id="attachment_5…

Farmaci a bordo dei nanoshuttle …

L’Ateneo coordina una ric…

Setticemia: osservare il 'passo'…

La possibilità di sopravv…

Pelle: contro l'invecchiamento i…

Uno studio condotto dal t…

Una soia GM ricca di Omega-3 aiu…

Un olio derivato dai semi…

La Stimolazione Magnetica Transc…

[caption id="attachment_6…

Sclerosi laterale Amiotrofica: E…

[caption id="attachment_2…

Nuove strade per lo sviluppo di …

Boehringer Ingelheim crea…

Ebola: una pianta asiatica prese…

Studio Usa: identificata …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Diabete: la tirosina a livelli elevati ne aumenta il rischio

Elevati livelli di un amminoacido, la tirosina, alterano lo sviluppo e la longevita’ in modelli animali e potrebbero contribuire allo sviluppo del diabete nelle persone.


A rivelarlo, nuove ricerche dell’Universita’ del Texas di San Antonio. Lo studio, pubblicato sulla rivista PloS Genetics, potrebbe potenzialmente portare a un nuovo modo per prevenire o curare questa malattia. In base alla ricerca, la tirosina aumentava nel sangue delle persone obese o diabetiche: in particolare, tra le persone obese, quella a piu’ alto rischio di sviluppare diabete tendevano ad avere livelli piu’ elevati di tirosina. L_Tyrosine”Non si sapeva – ha spiegato Alfred Fisher, fra gli autori della ricerca – se questo fosse un marcatore del rischio diabete o se potesse giocare un ruolo diretto nella malattia. Abbiamo scoperto che la tirosina ha un effetto diretto”. Gli scienziati hanno studiato l’effetto della tirosina sulla segnalazione dell’insulina in un modello animale di C. elegans sin dal 2005.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: