Ormoni dello stress: nei bambini…

I bambini obesi hanno liv…

MENO RISCHI CON "NUOVA" RISONANZ…

[caption id="attachment_8…

Vaccini: un nuovo vettore per ai…

[caption id="attachme…

"Scovato il serbatoio segreto de…

Un traguardo “storico”, t…

Un farmaco anti-calvizie maschil…

Gli uomini che assumono i…

Il disagio dell’incontinenza si …

L’importante è non nascon…

La TAC prima dei 15 anni triplic…

Prudenza con gli esami di…

Ictus: anche i traumi al collo, …

Secondo un nuovo studio, …

Scoperte nuove cellule del siste…

Scoperta un nuovo gruppo …

[1° comunicato EASD]Diabete di t…

48° Congresso EASD - Euro…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Diabete: la tirosina a livelli elevati ne aumenta il rischio

Elevati livelli di un amminoacido, la tirosina, alterano lo sviluppo e la longevita’ in modelli animali e potrebbero contribuire allo sviluppo del diabete nelle persone.


A rivelarlo, nuove ricerche dell’Universita’ del Texas di San Antonio. Lo studio, pubblicato sulla rivista PloS Genetics, potrebbe potenzialmente portare a un nuovo modo per prevenire o curare questa malattia. In base alla ricerca, la tirosina aumentava nel sangue delle persone obese o diabetiche: in particolare, tra le persone obese, quella a piu’ alto rischio di sviluppare diabete tendevano ad avere livelli piu’ elevati di tirosina. L_Tyrosine”Non si sapeva – ha spiegato Alfred Fisher, fra gli autori della ricerca – se questo fosse un marcatore del rischio diabete o se potesse giocare un ruolo diretto nella malattia. Abbiamo scoperto che la tirosina ha un effetto diretto”. Gli scienziati hanno studiato l’effetto della tirosina sulla segnalazione dell’insulina in un modello animale di C. elegans sin dal 2005.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi