I semplici collutori hanno alcun…

Due ingredienti molto com…

Ricreata in laboratorio l'origin…

[caption id="attachment_6…

Genetica dell’ovocita umano e im…

Torino, 26 novembre 2010…

Cornea artificiale in grado di r…

[caption id="attachment_8…

Contro il gomito del tennista te…

La terapia con plasma…

Autismo: ricerca a Milano porta …

Si chiama Eps8, è una…

Autismo: dieta chetogenica contr…

La dieta chetogenica e a…

Alzheimer: diagnosi precoce ridu…

Sviluppata una nuova meto…

AIDS: tre infezioni su quattro c…

L'Aids in Italia si trasm…

Telaprevir - inibitore della pro…

[caption id="attachment_9…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Diabete: la tirosina a livelli elevati ne aumenta il rischio

Elevati livelli di un amminoacido, la tirosina, alterano lo sviluppo e la longevita’ in modelli animali e potrebbero contribuire allo sviluppo del diabete nelle persone.


A rivelarlo, nuove ricerche dell’Universita’ del Texas di San Antonio. Lo studio, pubblicato sulla rivista PloS Genetics, potrebbe potenzialmente portare a un nuovo modo per prevenire o curare questa malattia. In base alla ricerca, la tirosina aumentava nel sangue delle persone obese o diabetiche: in particolare, tra le persone obese, quella a piu’ alto rischio di sviluppare diabete tendevano ad avere livelli piu’ elevati di tirosina. L_Tyrosine”Non si sapeva – ha spiegato Alfred Fisher, fra gli autori della ricerca – se questo fosse un marcatore del rischio diabete o se potesse giocare un ruolo diretto nella malattia. Abbiamo scoperto che la tirosina ha un effetto diretto”. Gli scienziati hanno studiato l’effetto della tirosina sulla segnalazione dell’insulina in un modello animale di C. elegans sin dal 2005.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi