Spermatozoi artificiali da cellu…

[caption id="attachment_1…

Sviluppo dei circuiti cerebrali …

Una proteina nota per reg…

Alzheimer: si blocca con impulsi…

Lo sviluppo dell'Alzheime…

Cellule staminali che diventano …

Uno studio pubblicato sul…

Melanoma: per la corretta diagno…

Troppi nei sospetti vengo…

Mappare genoma piante officinali…

I ricercatori del Medicin…

Cellule tumorali: attivando sene…

[caption id="attachment_6…

Al contrario delle ovaie l'utero…

(ADUC) - Per garantirsi u…

Cure anticancro che espongono a …

Vari farmaci chemioterapi…

Cura, femminile plurale. Donne p…

Un incontro multidiscipli…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Epatite C: dati di fase III dimostrano che faldaprevir*, farmaco sperimentale di Boehringer Ingelheim, è efficace anche in pazienti con mutazioni virali, comunemente resistenti ai farmaci

Le mutazioni del virus dell’epatite C (HCV) sono una realtà frequente e, in molti casi, comportano una minore efficacia della terapia antivirale. Faldaprevir* ha dimostrato di essere efficace anche in presenza della variante Q80K, frequentemente riscontrata1,che si stima sia presente, solo negli Stati Uniti, in oltre 700.000 pazienti.2,3,4 Faldaprevir* viene studiato in regimi d’associazione sia con, che senza interferone. L’Agenzia Europea del Farmaco (EMA) ha recentemente concesso la procedura di valutazione accelerata per il farmaco nell’ambito di un regime terapeutico basato su interferone. La decisione finale è attesa per l’anno prossimo.5,6

INGELHEIM, Germania, 13 dicembre, 2013 – I dati presentati in occasione del Congresso sull’Epatite HEP DART 2013, in corso dall’8 al 12 dicembre a Big Island, nelle Hawaii,  hanno dimostrato come faldaprevir*, l’inibitore di proteasi sperimentale di seconda generazione di Boehringer Ingelheim, quando usato in combinazione con interferone peghilato e ribavirina, sia efficace anche in presenza di mutazioni comunemente presenti nel virus dell’epatite C (HCV), come il polimorfismo NS3 Q80K.

La mutazione Q80K è stata rilevata nel 23% (49/127 pazienti in STARTVerso™1) e nel 40% (159/398 pazienti in STARTVerso™2) dei pazienti con epatite C di genotipo-1a. E’ stato dimostrato che la presenza di questa mutazione non impatta negativamente sulla possibilità di ottenere la  guarigione dal virus  (SVR12) nei pazienti con infezione da HCV di genotipo-1 trattati con faldaprevir* più interferone peghilato e ribavirina.1

 

“Questi dati sono incoraggianti in quanto dimostrano che i pazienti con la variante Q80K del virus dell’epatite C di genotipo 1 possono ottenere benefici da faldaprevir*” – ha dichiarato Christoph Sarrazin, M.D., Professore di Medicina della Clinica Universitaria Johann Wolfgang Goethe di Francoforte – “In alcune aree del mondo, la mutazione Q80K è presente in quasi il 50% dei pazienti con epatite C di genotipo-1a, che possono potenzialmente richiedere ulteriori screening prima di iniziare la terapia con gli inibitori di proteasi. L’efficacia di faldaprevir* nei confronti di questa variante del virus HCV di genotipo 1 consente di evitare di sottoporre i pazienti a queste indagini, prima del trattamento”.

La proteasi NS3/4A è fondamentale per la replicazione del virus HCV, ed è un target degli antivirali ad azione diretta, quali faldaprevir*. La mutazione Q80K di NS3 è il più frequente polimorfismo che può essere presente sul segmento NS3 del virus dell’epatite C di genotipo-1, essendo stata osservata in una percentuale che arriva sino al 47% dei pazienti. La prevalenza della variante Q80K del virus varia a seconda delle regioni geografiche, ed è particolarmente elevata negli Stati Uniti.4

Faldaprevir* è il primo farmaco sperimentale della pipeline di Boehringer Ingelheim in ambito epatite C e viene studiato in regimi d’associazione sia con, che senza interferone. L’Agenzia Europea del Farmaco (EMA) ha recentemente concesso la procedura di valutazione accelerata per faldaprevir*. Se approvato dalla Commissione Europea, il farmaco potrebbe essere disponibile per la commercializzazione nell’Unione Europea nella seconda metà del 2014, nell’ambito di un regime terapeutico basato su interferone. Boehringer Ingelheim intende rendere disponibile a breve anche uno dei primi regimi terapeutici per l’epatite C interferon free. I risultati degli studi di Fase III HCVerso® con il regime terapeutico senza interferone con l’associazione di  faldaprevir*, deleobuvir* e ribavirina  saranno disponibili nel 2014.

 

Ulteriori presentazioni al Congresso HEP DART

Sono stati presentati ieri nell’ambito della ‘sessione orale abstract II’ i risultati preliminari di uno studio con il regime orale composto da faldaprevir* e deleobuvir* di Boehringer Ingelheim e da PPI-668* di Presidio, con e senza ribavirina per 12 settimane che hanno dimostrato  un’alta percentuale di risposta virologica nei pazienti trattati.7 I primi risultati del trial di Fase II, ancora in corso, sono stati presentati in occasione del recente 64° Congresso Annuale dell’Associazione Americana per lo Studio sulle Malattie del Fegato (AASLD).

Bibliografia

  1. C Sarrazin et al. NS3/4A baseline polymorphisms and treatment-emergent variants in HCV genotype-1 infected, treatment-naïve patients from the Phase III STARTVerso1 and 2 clinical studies of faldaprevir plus pegylated interferon a-2A and ribavirin. Presented at HEP DART 2013.
  2. Centers for Disease Control and Prevention. Hepatitis C FAQs for health professionals. http://www.cdc.gov/hepatitis/hcv/hcvfaq.htm [last accessed 03/12/13]
  3. Theodore Sy, M. Mazen Jamal. Epidemiology of Hepatitis C Virus (HCV) Infection. Int J Med Sci 2006; 3(2):41-46.
  4. Berger et al. Baseline HCV NS3 Polymorphisms and their Impact on Treatment Response in Clinical Studies of the HCV NS3 Protease Inhibitor Faldaprevir. Antimicrob Agents Chemother. 2013 Nov 11.
  5. Boehringer Ingelheim Data on file. European Medicines Agency, Human Medicines Evaluation Division. (Faldaprevir Boehringer Ingelheim, Boehringer Ingelheim International GmbH). Submission validation, 21 November, 2013
  6. Boehringer Ingelheim Data on file. European Medicines Agency, Human Medicines Evaluation Division. (Faldaprevir Boehringer Ingelheim, Boehringer Ingelheim International GmbH). Accelerated assessment acceptance, 12 November, 2013
  7. Lalezari, et al. Rapid and Consistent Virologic Responses in a Phase 2 Trial of a New All-Oral Combination of Faldaprevir, Deleobuvir and PPI-668, with and without Ribavirin, in Patients with HCV Genotype-1a Infection. Presented at HEP DART 2013

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!