Scoperta la molecola della buona…

La voglia di fare, la mot…

Eradicazione virus HIV - nuova …

[caption id="attachment_1…

Tumore al seno: occhio all'assun…

Per gli studiosi dell’Alb…

Malattie autoinfiammatorie rare …

[caption id="attachment_1…

Malattie Mentali: occorre metter…

A Milano la prima tappa d…

Virologia: la struttura tecnolog…

[caption id="attachment_7…

Un farmaco per curare il diabete…

Un farmaco usato solitame…

Il grasso aiuta a guarire, usato…

Nella scienza spesso quel…

Cellule staminali pluripotenti: …

[caption id="attachment_5…

Scoperto enzima responsabile neo…

Una ricerca dell'Istituto…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Virus H7N9 mutato: ora, resistente ai farmaci

Il ceppo cinese del virus dell’influenza aviaria H7N9 ha subito una mutazione che lo ha reso resistente ai comuni farmaci antivirali (come il Tamiflu) usati per contrastarlo.


A stabilirlo è una ricerca della Mount Sinai School of Medicine di New York, pubblicata su ‘Nature Communications’.
“Questa trasformazione – avvertono gli scienziati – non aumenta necessariamente la preoccupazione per una possibile pandemia. Ma – sottolineano – serve più accortezza nella prescrizione di antivirali come il Tamiflu nei casi di H7N9, che potrebbero aiutare a rendere il virus resistente anche ad altre molecole”. I ricercatori hanno analizzato un campione di H7N9 isolato da un paziente in Cina, per verificarne la resistenza ai farmaci e il grado di infettività.H7N9
Molti ceppi influenzali stagionali, infatti, diventano meno trasmissibili dopo essere diventati resistenti agli antivirali. Ma gli scienziati hanno scoperto che il ceppo dell’influenza aviaria cinese non funziona nello stesso modo: mantiene la sua capacità di trasmissibilità anche dopo che sviluppa l’immunità ai farmaci. Le autorità cinesi hanno registrato dall’inizio dell’anno oltre 130 casi di virus H7N9 e un vaccino contro questo ceppo di influenza non è ancora disponibile. Così l’unico scudo contro questo nemico rimangono i farmaci antivirali, utilizzati per controllare l’infezione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: