Dal CNR il ClopHensor, il biosen…

[caption id="attachment_8…

Codeina: evitarla nella cura del…

Il comitato per la Farmac…

Glioblastoma: nuove speranze arr…

Nuove speranze arrivano d…

Sedentarietà: gli esperti FMSI c…

Fare riconoscere al minis…

Obesità infantile: un gene manca…

Un 'buco' nel Dna puo' sc…

Ri-legittimato il "punto G" femm…

Una ricerca che dura da 5…

Molecola per annientare masse tu…

Due studiosi di Urbino ha…

Nuove terapie per la cura dei tu…

Roma, 3 nov - ''Nuovi far…

Un nuovo stent a rilascio di far…

Al 7° Summit internaziona…

Tumori: migliora la sopravvivenz…

I 5 big killer, i tumori …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Commozione cerebrale: pressoché inutili gli integratori

Puo’ un integratore alimentare curare una commozione cerebrale? No.


Queste affermazioni non sono supportate da prove scientifiche e potrebbe indurre i pazienti a riprendere le proprie attivita’ dopo aver assunto gli integratori alimentari. Brain-to-brain-interface.
Questi prodotti sono venduti su Internet e commercializzati utilizzando i social media, tra cui Facebook e Twitter.
Lo scorso dicembre, la FDA americana ha inviato una lettera di avvertimento a Star Scientific, Inc, per la commercializzazione del prodotto Anatabloc con le indicazioni per trattare le commozioni cerebrali.
Raccomandiamo ai consumatori di evitare di acquistare prodotti commercializzati come integratori alimentari che pretendono di prevenire, trattare o curare commozioni cerebrali e altre lesioni cerebrali traumatiche.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi