Alzheimer: ricerca preliminare d…

Il litio, una sostanza co…

L'FDA inizia le valutazioni dell…

[caption id="attachment_8…

Il testosterone ci rende più one…

Il testosterone è respons…

Una scoperta avvicina ad un vacc…

[caption id="attachment_5…

Nasce FarmacistaPiù, l’assise an…

Roma, 17 dicembre 2013 - …

Morbo di Crohn: duecento mila it…

Sono 200 mila gli italian…

Correlazione tra schizofrenia e …

La schizofrenia è una mal…

Biovetro per riparare le ossa

Le ossa hanno una sorpr…

Stipsi Cronica: il primo riferim…

Focus sulla patologia i…

Flora intestinale: il futuro la …

Il futuro della corretta …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Il freddo che “sfina”, in casa ed ufficio

A sostenerlo è uno studio olandese pubblicato su Trends in Endocrinology & Metabolism
Un modo originale e anche economico per buttare via qualche chilo di troppo?


Abbassare la temperatura di casa e ufficio. E’ quanto sostengono un gruppo di ricercatori olandesi del Maastricht University Medical Center in un articolo pubblicato su Trends in Endocrinology & Metabolism.nanoparticelle

I ricercatori guidati da Wouter van Marken Lichtenbelt hanno scoperto che la produzione di calore da parte dell’organismo in risposta alla sensazione di freddo può impegnare fino al 30% del bilancio energetico del corpo. Esagerare, però, non serve: per bruciare calorie, infatti, non si deve arrivare a tremare, e abbassare troppo la temperatura non aiuta a bruciare più calorie. La temperatura, quindi, non deve essere fredda, ma fresca. Al contrario, gli ambienti interni troppo caldi possono contribuire ad ampliare il girovita.

A risultati simili era già giunto un gruppo di studiosi giapponesi, secondo i quali trascorrere due ore al giorno a una temperatura di 17 gradi favorisce l’eliminazione di grasso corporeo.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi