Sindrome di Barth riprodotta su …

Per la prima volta è stat…

Linee Guida ESPID per la polmoni…

Società Europea di Infe…

Tumori: PSA non sempre e' test a…

L'esame del PSA (antigene…

Un trapianto di polmoni con una …

Al Policlinico di Milano…

Tumori: scoperto il fingerprint …

Indipendentemente dal lor…

Alzheimer: tre nuovi biomarker p…

Per la malattia di Alzhei…

Ricercatori fanno luce sulle imp…

[caption id="attachment_7…

La musica del cervello, italiani…

[caption id="attachment_1…

Il DNA del merluzzo svela i segr…

Sequenziando il genoma de…

Decadimento muscolare: scoperta …

[caption id="attachment_6…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Uso pillola contraccettiva diminuisce probabilità di gravidanza subito dopo lo stop

Le donne che usano contraccettivi di lunga durata, come la pillola e i dispositivi intrauterini, hanno una probabilita’ molto minore di dare alla luce un figlio a breve distanza dalla gravidanza precedente.


Lo afferma uno studio dell’universita’ della California pubblicato dall”American Journal of Obstetrics and Gynecology’. pregnancyL’Oms raccomanda almeno due anni tra il parto e la gravidanza successiva, ma negli Usa un terzo dei bambini nasce meno di 18 mesi dopo la prima nascita. I ricercatori californiani hanno analizzato i dati di 118mila donne che avevano avuto almeno due figli, il 64% delle quali aveva atteso almeno 18 mesi, che erano iscritte a un programma pubblico di sostegno alla donna.

Incrociando i dati sui contraccettivi scelti dalle donne con quelli delle nascite e’ emerso che i dispositivi di lunga durata, come quelli ormonali, aumentano di quattro volte la probabilita’ di avere una seconda gravidanza piu’ tardi rispetto a quelli come il condom. “L’accesso alla contraccezione – concludono gli autori – sembra dilatare lo spazio tra le gravidanze”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: