AIRP presenta il libro "Dentro d…

“ARPKD chiama, AIRP rispo…

USA: Studi concentrati su come i…

[caption id="attachment_7…

Pediatria: il sonno nei bambini …

Dormire in modo irregol…

Da scarti di pomodori e spremitu…

Nei rifiuti non sono cont…

Autorizzazione europea alla comm…

[caption id="attachment_1…

Acqua: gli italiani non si attes…

Meno di un litro di liqui…

Un derivato dei coralli del Mar …

[caption id="attachment_7…

Anemia: OK agli integratori di f…

Gli integratori di ferro …

Meningite: arriva primo vaccino …

[caption id="attachment_9…

Una tazzina extra di caffé al dì…

-Una tazza di caffe' in p…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Il disordine dismorfico più diffuso dei disturbi alimentari

Anoressia e disturbi alimentari associati sono le malattie legate all’immagine del corpo piu’ note ma un nuovo studio condotto da Ben Buchanan della Monash University pubblicato su Psychological Medicine ha dimostrato che il meno conosciuto disordine dismorfico del corpo e’ cinque volte piu’ diffuso.


Dai dati dell’indagine e’ emerso che questa patologia appare associata a una debole connessione tra l’amigdala, il centro emozionale del cervello, e la corteccia orbito-frontale, la parte razionale del cervello che aiuta a regolare e a calmare l’eccitazione emotiva.    Il sintomo principale del disordine dismorfico del corpo e’ avere un eccessivo timore di sembrare brutti o sfigurati. Generalmente i pazienti affetti appaiono normali ma sono convinti di possedere una caratteristica particolare del viso o del corpo intollerabilmente brutta, spesso ricorrendo inutilmente a trattamenti e chirurgie estetiche.

Lo studio australiano ha scoperto anche che la terapia cognitivo-comportamentale e’ in grado di ottenere ottimi risultati contro questa malattia, rafforzando le connessioni tra l’amigdala e la corteccia orbito-frontale.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x