Rapamicina: ecco come rallenta l…

Scienziati dell'Univers…

Tumore al colon: regolato da un …

Anche il cancro al colon,…

Acqua di rete: un milione di ita…

Arsenico e altre sostanze…

Un gene che orchestra invecchiam…

[caption id="attachment_6…

USA: staminali per produrre ovul…

I testi scientifici sulla…

Quando i Linfociti helper non fa…

[caption id="attachment_7…

A rischio servizio agli utenti e…

Cancellata da una legge r…

Si apre oggi a Pavia il I Congre…

Pavia, 22 ottobre 2016. S…

Mamma, vado all’asilo. Tutti i c…

Decidere di mandare un ba…

Parole del dolore”: un progetto …

Quasi 1 paziente su 2 è d…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Aglio: ricerca danese ne spiega le proprietà antibatteriche

Stop alle infezioni grazie all’aglio.


Lo ha scoperto uno studio dell’Università di Copenaghen che ha messo in luce una proprietà di un suo composto chimico, l’ajoene. Che l’aglio fosse infatti un potente antibatterico e antisettico è cosa nota, ma adesso il ricercatore danese Tim Holm Jakobsen ha scoperto che l’azione di questa sostanza, combinata con quella degli antibiotici può neutralizzare oltre il 90% delle colonie batteriche pericolose. Ecco come.

L’azione dell’ajoene è indirizzata contro la produzione di rhamnolipidi, sostanze prodotte dai batteri per distruggere i globuli bianchi, “soldati” del sistema immunitario contro le infezioni. L’ajoene paralizza il sistema di comunicazione, bloccando la produzione delle armi batteriche e proteggendo dalle infezioni. Unico inconveniente. “L’aglio però ne contiene così poco che dovremmo mangiarne circa cinquanta spicchi al giorno per ottenere l’effetto desiderato”, puntualizza l’autore dello studio. Prossimo passo per la ricerca, un integratore concentrato che salvi l’alito e le relazioni sociali.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi