Il batterio della salmonella per…

[caption id="attachme…

[F.O.F.I.]La contraffazione si f…

[caption id="attachment_6…

Senza un’informazione più comple…

Roma, 31 agosto 2015 – “I…

Sanità, incontinenza: giunta reg…

Cagliari, 24 gennaio 2014…

Malattie della pelle: dieta medi…

"Molte patologie cutanee …

HIV: scoperto come il virus "att…

Tra le numerose conseguen…

Quando le 'scariche adrenalinich…

[caption id="attachment_7…

TEVA ottiene l'approvazione per …

Trattamento per la leucem…

Ricerca evidenzia correlazioni t…

Circa il 10% di tutte le …

Sindrome Ring14: speranza nella …

Far tornare indietro le c…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

App “Stress Visivo” di ZEISS: uno strumento per riconoscerne i sintomi a portata di smartphone

image009Stress Visivo è l’App lanciata da ZEISS che permette di verificare il grado di stress visivo digitale sul proprio smartphone in soli 30”

Milano, 24 Febbraio 2014 – ZEISS, azienda leader nel settore dell’ottica e optoelettronica da sempre attenta alle esigenze e al benessere visivo degli ametropi, conferma la sua vicinanza ai portatori di occhiali e il suo interesse per una migliore qualità visiva lanciando Stress Visivo, l’App gratuita firmata ZEISS che permette di comprendere, in pochi passaggi, quanto l’uso frequente di un dispositivo digitale può influire sul benessere visivo.

Secondo una recente indagine[1], in Italia l’88% delle persone tra i 35 e i 44 anni utilizza dispositivi mobili. Si tratta di un utilizzo continuo e costante dal momento che il 58% degli intervistati li adopera per 5 o più ore al giorno. Inoltre il 70% del campione afferma di utilizzare uno smartphone. Dati aggiornati riferiscono che ad oggi il numero di smartphone e tablet ha superato la popolazione mondiale1.

A dimostrazione della larga diffusione e del continuo utilizzo di questi strumenti ci sono i dati di un’ulteriore indagine secondo cui il 62% degli italiani ha uno smartphone, utilizzato per controllare la posta elettronica (51%), scaricare app (49%), soprattutto di giochi, e per il social networking (47%). Il 68% degli intervistati è solito fruire contenuti video attraverso il proprio smartphone e, nel 27% dei casi, una o più volte al giorno.[2]

Questi dati confermano quanto i dispositivi digitali siano diventati imprescindibili oggigiorno: semplificano la vita e ne definiscono lo stile. Ma rappresentano anche una sfida per i nostri occhi: il loro frequente utilizzo comporta un continuo passaggio dalla visione da vicino alla visione da lontano e viceversa e ciò significa che gli occhi sono sottoposti ad uno sforzo costante di messa a fuoco. Inoltre la piccola dimensione del carattere di testo e la distanza più ravvicinata rispetto alla normale distanza di lettura amplificano tale sforzo del muscolo ciliare dell’occhio. Una delle conseguenze è che gli utilizzatori spesso accusano episodi di irritazione agli occhi, affaticamento visivo, dolore al  collo e mal di testa, in particolare a fine giornata: riposare gli occhi distogliendoli dallo schermo o i rimedi casalinghi offrono solo un sollievo temporaneo.

Stress Visivo è uno strumento utile che permette di verificare il grado di stress visivo digitale spesso legato a questi sintomi.  Soprattutto per chi non ha mai fatto uso di occhiali, tali disturbi difficilmente vengono attribuiti a un problema di visione ma più spesso associati a stanchezza, stress e sovraffaticamento, molto frequenti specialmente al termine di giornate impegnative. Ed invece occhi stanchi e arrossati, mal di testa e dolore al collo sono i sintomi tipici dello stress visivo che si manifestano perché gli occhi, come ci ricordano gli esperti ZEISS, pur rappresentando una straordinaria macchina che cerca di adattarsi sempre alle sfide poste dall’uomo, non sono stati creati per questo tipo di visione.

Il test, sviluppato appositamente da ZEISS per verificare il grado di stress visivo digitale, ha una breve durata30 secondi soltanto, e prevede il cambio del fuoco da uno smartphone ad una distanza di 6 metri e viceversa al fine di misurare in modo preciso il sovraffaticamento degli occhi: dopo aver inserito l’età, numeri con diverse dimensioni di carattere mettono alla prova le capacità visive dell’utilizzatore.

Al termine del test l’App rilascia un punteggio relativo allo stress visivo che viene spiegato attraverso una scala di valori (elevato, medio e basso). In caso di punteggio al di sotto della media (in rapporto all’età) l’App ZEISS consiglia un controllo più accurato dell’efficienza visiva presso il proprio ottico di fiducia o il medico oculista e suggerisce di scoprire tutto ciò che riguarda lo stress visivo digitale e come preservare a lungo la propria vista attraverso un interessante video dimostrativo che spiega quali sono le difficoltà che gli occhi, quotidianamente, devono affrontare. Terminato il test è possibile condividere l’app con i propri amici su Facebook e Twitter.

L’App di ZEISS non fornisce una diagnosi completa e definitiva, eseguibile solo presso un Centro specializzato. Stress Visivo è scaricabile gratuitamente dall’App Store per iPhone e da Google play per gli smartphone Android.

La soluzione allo stress visivo: le Digital Lenses

Fra i 30 e i 40 anni può capitare, tra chi fa largo uso di dispositivi mobili digitali, che pur non avvertendo ancora in modo conclamato disagi nella visione da vicino, il cristallino perda la sua elasticità, inducendo il muscolo ciliare ad un lavoro superiore per garantire la corretta messa a fuoco: il risultato è la comparsa dei sintomi citati in precedenza correlati allo stress visivo digitale, anche se non ve ne è consapevolezza per la maggior parte delle persone in target.

Ed è proprio per offrire una visione ottimale e confortevole nel mondo digitale che ZEISS ha da poco lanciato le nuove lenti per occhialiDigital Lenses, caratterizzate da un innovativo design che offre una reale sensazione di comfort e benessere per chi fa largo uso di dispositivi digitali. La prima risposta specifica ad una delle esigenze della vita moderna.

Le Digital Lenses di ZEISS sono ideali per chi ha un’età compresa fra i 30 e i 40 anni, sia che siano già portatori di occhiali sia che non ne abbiano mai fatto uso prima, perché aiutano l’occhio a trovare un maggiore relax e prevenire i sintomi di affaticamento e, allo stesso tempo favoriscono una perfetta messa a fuoco. Per coloro i quali portano già lenti monofocali rappresentano una perfetta alternativa all’occhiale da portare tutto il giorno.

Le ZEISS Digital Lenses sono disponibili presso i migliori Centri Ottici ZEISS

 

 

Carl Zeiss

Il Gruppo Carl Zeiss è leader internazionale nel settore ottico ed optoelettronico. I circa 24.000 collaboratori hanno realizzato un fatturato di 4,2 miliardi di euro nell’esercizio 2011/12. Da oltre 160 anni, Carl Zeiss contribuisce al progresso tecnologico mondiale nei settori Industrial Solutions (soluzioni industriali), Research Solutions (soluzioni di ricerca), Medical Technology (tecnologia medicale) e Consumer Optics (ottica per il tempo libero) e migliora la qualità della vita di molte persone. Il gruppo sviluppa e realizza planetari, lenti per occhiali, obiettivi fotografici e binocoli nonché soluzioni per la ricerca biomedica, la tecnica medica, l’industria dei semiconduttori, automobilistica e della costruzione di macchine. Carl Zeiss è presente in oltre 40 paesi del mondo con circa 40 sedi di produzione e oltre 50 sedi di assistenza e distribuzione nonché circa 20 centri di ricerca e sviluppo. Carl Zeiss AG è al 100 percento proprietà della Fondazione Carl Zeiss. La sede dell’azienda fondata nel 1846 a Jena è Oberkochen.

 

Vision Care (Divisione Oftalmica)

La Divisione Vision Care di Carl Zeiss coniuga, in qualità di unico produttore, competenze e soluzioni oftalmiche con un marchio internazionale. La divisione sviluppa e produce strumenti e offerte tecnologicamente eccellenti per l’intera catena di valore dell’Oftalmica. Con circa 9.500 collaboratori  la divisione costituisce uno dei fornitori leader mondiali di lenti per occhiali e, nell’esercizio 2011/2012, ha realizzato un fatturato di 860 milioni di euro. La divisione Vision Care viene rappresentata dalla Carl Zeiss Vision International GmbH. L’amministrazione si compone di Dr. Raymund Heinen (CEO), Manfred Klingel (COO), Ulrich Krauss (CSO) e Hanspeter Mürle (CFO).

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!