Legge 40 e diagnosi preimpianto:…

La Corte europea dei diri…

Gastroenterite: aumentano negli …

Aumenta il numero di pers…

Obesità: dimagrire con farmaco a…

La saliva del mostro di …

'Merenda con il leone': sensibil…

ALL’OSPEDALE SACCO SI FA …

Scoperto un processo chiave dell…

[caption id="attachme…

Zero casi di meningite: un obiet…

Soglie di copertura vacci…

Convulsioni dovute ad anestetici…

Una nuova ricerca ha iden…

TRAUMA SPINALE, SCOPERTA ITALIA…

Milano, 15 Giugno 2009 …

Chili di troppo che si ereditano…

I chili di troppo si ered…

Trapianto cardiaco: nuovo test d…

Prevedere con netto antic…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Come il cervello aggiunge ai ricordi piccoli tasselli di presente

La nostra memoria funziona prendendo dei frammenti dal presente e inserendoli nei ricordi passati, di fatto riscrivendoli.


Lo studio della Northwestern University e’ stato pubblicato sulla rivista Journal of Neuroscience. Piuttosto che funzionare come una videocamera, dunque, la nostra memoria “aggiorna” il passato con informazioni attuali, editando i ricordi sulla scorta delle nuove esperienze. proteina_memoria“L’amore a prima vista – spiega Donna Jo Bridge, che ha condotto lo studio – e’ un esempio di quello che molto probabilmente e’ un trucco della memoria”. Si tratta del primo studio che mostra specificamente come la memoria compie errori: molto probabilmente si tratta di un meccanismo di adattamento, che ci aiuta a sopravvivere.

“La nostra memoria si adatta costantemente per aiutarci a compiere scelte giuste”, continua il ricercatore. E questo editing, come hanno mostrato gli esperimenti condotti con 17 uomini e donne, si svolge nell’ippocampo, che ha un po’ il ruolo che nei film ha il team di effetti speciali e l’editor della pellicola.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!