Scoperta una proteina che rallen…

Bloccando una proteina c…

Diabete: quasi all'epilogo della…

[caption id="attachment_5…

Autismo: test accurato per rilev…

Neuroscienziati canades…

Ictus: nelle donne quattro ore c…

Le donne che camminano al…

Non tutto il male viene per nuoc…

Roma, 25 febbraio 2015 – …

Merck Serono Leader nell’Innovaz…

·         La nuova ve…

1 aprile 2016: SECONDA GIORNATA…

Torna la 2° edizione dell…

Rapine nelle farmacie: un fenome…

Roma, 1° agosto 2013 - “D…

Merck Serono completa l'arruolam…

Lo studio valuterà la …

Con microfibre laser e integrita…

6th International Meeting…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cecità simulata, per recuperare funzioni uditive

La cecita’ “simulata” potrebbe aiutare a recuperare l’udito. Sono questi i risultati di uno studio condotto dalla University of Maryland e pubblicato sulla rivista Neuron.


Il team di studiosi, guidato da Hey-Kyuong Lee, ha scoperto che riducendo al minimo le capacita’ visiva di una persona per una settimana potrebbe essere possibile migliorare l’abilita’ del cervello nel processare i suoni.Blindness Negli esperimenti condotti usando topi, gli scienziati hanno scoperto come le connessioni neurali nell’area del cervello che gestisce la visione e l’udito lavorano insieme per supportare ognuna il proprio senso. Impedendo temporaneamente la vista, posizionando un topo adulto in un ambiente completamente scuro per una settimana, gli studiosi hanno notato cambiamenti nella corteccia uditiva primaria.

I topi che avevano sperimentato cecita’ simulata tornavano pero’ alle loro condizioni “normali” di udito, di qualita’ inferiore, dopo poche settimane trascorse in un ambiente illuminato normalmente.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi