Cellule staminali della mucosa o…

A differenza di tutte le …

"Gennaio astemio", e calano peso…

Un 'gennaio astemio', oss…

Turismo odontoiatrico: creato un…

Stop al turismo odontoiat…

Scoperta dell'Università degli S…

L’Enterovirus ha recentem…

Una dieta candidata anti-tumore

Le conclusioni dello stud…

Ipertensione: un pacemaker cereb…

Nei casi di ipertensione …

Epilessia e Corea di Huntington:…

Che cosa lega due malatti…

Il premio Nobel James Watson: "N…

Nel suo studio lo scienzi…

Batteri: a casa ognuno ha i suoi…

La casa è una 'culla' di …

Osteoporosi: il pieno di vitamin…

[caption id="attachment_8…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Giornata Mondiale delle Malattie Rare: oltre il 50% è di natura neurologica

SINL’appello della Società Italiana di Neurologia in occasione della Giornata Mondiale delle Malattie Rare

Roma, 26 febbraio 2014 – Il 28 febbraio si celebra la Giornata Mondiale delle Malattie Rare: oltre il 50% delle malattie rare è di natura neurologica e vede il neurologo come primo responsabile dell’approccio al paziente nella diagnosi e nella terapia. Ed è proprio in occasione di tale appuntamento annuale che la Società Italiana di Neurologia (SIN) richiama l’attenzione sul tema delle cure e dell’organizzazione assistenziale alle malattie neurologiche rare al fine di garantire ai pazienti una pari qualità di trattamento.

Secondo dati del Centro Nazionale Malattie Rare dell’Istituto Superiore di Sanità, una malattia viene considerata rara quando colpisce non più di 5 persone ogni 10.000 abitanti. Nonostante la bassa prevalenza, sono in realtà milioni le persone  che in Italia soffrono di una malattia rara.

Tra le malattie rare, ad assumere una certa rilevanza epidemiologica, ad esempio, la Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA), la Corea di Huntington e la Distrofia Miotonica, malattie che richiedono l’intervento di uno specialista in neurologia a causa dell’interessamento del sistema nervoso.

 

Promuovere la sensibilizzazione sul tema della ricerca e la diffusione di informazioni condivisibili e utili rappresenta un punto cardine della Società Italiana di Neurologia, da sempre impegnata in numerose iniziative che si rivolgono sia ai medici specialisti che all’opinione pubblica e ai pazienti.

 

“I progressi della ricerca scientifica in campo neurologico sono entusiasmanti – afferma il Prof. Antonio Federico, Direttore UOC Clinica Neurologica e Malattie Neurometaboliche, AOU Senese e Professore Ordinario di Neurologia – sia per ciò che riguarda lo sviluppo di nuove tecniche diagnostiche che permettono di trattare farmacologicamente alcune patologie, sia per l’impegno da parte di numerose società scientifiche. In questa prospettiva, la Società Italiana di Neurologia ha dato vita a www.neurare.sin che, grazie a ricchi approfondimenti e a un forum attraverso cui è possibile porre quesiti agli esperti, permette di avere un quadro chiaro di patologie di cui, spesso, si ha scarsa conoscenza. La sfida di oggi – prosegue il Prof. Federico – è far sì che chi soffre di una malattia rara non sia più orfano di un’organizzazione assistenziale di supporto o di possibilità terapeutiche adeguate e specifiche. A tale scopo, inoltre, è stato organizzato a Siena l’evento  “Uniti per un’assistenza migliore” che rappresenta un’utile occasione di confronto per ribadire quanto sia importante, nella cura delle malattie rare, sviluppare una rete tra tutti i centri specializzati congiuntamente ad istituzioni, comunità medica e ricercatori, allo scopo di ridurre il divario tra i livelli di assistenza sanitaria e i bisogni dei pazienti.

A dare un notevole contributo anche la tecnologia che permetterà ai circa 6.000 pazienti dell’Ospedale Santa Maria Le Scotte della cittadina toscana di usufruire di una pennetta USB contenente sia informazioni generali relative alla patologia, sia informazioni specifiche legate alla loro singola esperienza: diagnosi, terapie consigliate, evoluzione della patologia ed eventuali centri specializzati a cui rivolgersi.

Obiettivo dell’innovativo dispositivo, quello di incrementare il livello di conoscenza non solo dei pazienti, ma anche dei medici di medicina generale e delle strutture sanitarie al fine di migliorare i percorsi assistenziali.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi