Mutazione genetica associata a d…

Un gruppo di ricercatori …

Un gene responsabile del corrett…

[caption id="attachment…

Osteoartrite: è forte la correla…

I telomeri, le porzioni …

Tumore al seno: occhio all'assun…

Per gli studiosi dell’Alb…

Informatica usa come modello il …

[caption id="attachment_5…

Ultrasuoni per diagnosi precise …

[caption id="attachme…

Emorragie: scoperto l'anticorpo …

Un anticorpo dalle propri…

Tumore al seno: anche prima dei …

Una nuova analisi condott…

l'alcol danneggia il cervello in…

[caption id="attachment_1…

Tumore alla prostata: cinque sed…

Cinque sedute di radioter…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Ora la Farmacia dei servizi è più vicina

FofiLe linee di intervento uscite dalla Conferenza Stato-Regioni sanciscono il ruolo fondamentale del servizio farmaceutico nella riorganizzazione dell’assistenza. “Possiamo proporre alle Regioni un modello sperimentato sul territorio” dice il presidente della Federazione, Senatore Andrea Mandelli.

Roma, 25 febbraio 2014 – “L’inserimento della farmacia dei servizi nell’ambito della riorganizzazione della sanità territoriale è un riconoscimento che chiedevamo da tempo alle Regioni e che quindi giudichiamo come un fatto importante e positivo” dice il presidente della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani, Senatore Andrea Mandelli. La dichiarazione viene a commento degli Interventi per il riassetto organizzativo e strutturale della rete dei servizi di assistenza ospedaliera e territoriale deliberati dalla Conferenza Stato-Regioni. “Ma nell’attesa di questo riconoscimento” prosegue Mandelli “non siamo certo rimasti inerti ma, anzi, abbiamo avviato una riflessione importante sull’evoluzione del servizio farmaceutico, nonché una sperimentazione scientifica, sul campo, dei servizi c ognitivi che in tutti i paesi avanzati sono alla base di un reale coinvolgimento del farmacista di comunità nel processo di cura. Siamo quindi in grado di proporre alle Regioni una metodica, quella dell’MUR, di cui è già stata dimostrata la praticabilità in Italia e di cui stiamo sperimentando anche le ricadute cliniche e farmaco-economiche. Cosa fondamentale, è una modalità di intervento che ha già riscosso l’interesse dei medici di medicina generale”.
E’ evidente che dall’implementazione del nuovo modello di farmacia ci si attende, come è successo in Gran Bretagna e in Canada, anche un contributo alla stabilità economica delle farmacie e, quindi, conclude il presidente della FOFI, “la possibilità di invertire la tendenza attuale in fatto di livelli occupazionali: la farmacia dei servizi può vivere soltanto se al suo interno operano professionisti competenti, aggiornati e in numero adeguato”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi