Polline: 1,2 milioni di bambini …

In Italia, tra marzo e a…

Cancro al seno e obesita': scope…

Un comune "mantra" che ci…

Barbecue non proprio 'salubre': …

[caption id="attachment_7…

Sistema immunitario e nanopartic…

La nanotecnologia è un'in…

Linagliptin compresse ottiene pa…

La nuova indicazione pr…

Protesi PIP e Codacons: per il T…

"Il Tar del Lazio, con un…

Dal Nilo, sulle mummie, la stori…

Già 1500 anni fa, le prat…

La corretta interpretazione dell…

E' stata considerata inut…

Quale futuro per il nostro Servi…

CEIS, Il Sole 24 Ore Sani…

Tumori del seno: TAZ, un gene ch…

Si chiama TAZ ed è il gen…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cellule staminali: scoperta una memoria meccanica

Le cellule staminali potrebbero possedere una “memoria meccanica” e differenziarsi sulla base delle condizioni in cui sono state conservate in un determinato ambiente.


A rivelarlo uno studio pubblicato sulla rivista Nature Materials da parte di un gruppo di scienziati della University of Colorado di Boulder.   Studi precedenti hanno mostrato che stimoli meccanici come la rigidita’ del gel in cui venivano coltivate le cellule staminali in laboratorio, potevano influenzare il modo in cui queste staminali si sarebbero poi differenziate, Ora, Kriti Anseth e colleghi hanno scoerto che la rigidita’ del gel di coltura indirizza il destino anche delle cellule mesenchimali umane. Questo effetto “memoria meccanica” e’ permesso dai co-attivatori trascrizionali YAP e TAZ.

I ricercatori hanno sfruttato questa capacita’ delle cellule staminali per indurle a differenziarsi in cellule ossee su substrati sui quali, invece, sarebbero naturalmente diventate cellule adipose.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi