Distrofia e cancro hanno in comu…

[caption id="attachment_5…

Ulcere cutanee gravi: troppo car…

In Italia 2 milioni di pe…

Antibiotici ad ampio spettro: mi…

Un nuovo studio svela…

Melanomi: un raggio laser per lo…

[caption id="attachment_6…

Una donna su dieci ha un grave s…

Alla Mangiagalli sviluppa…

Ebola: concreto il legame tra vi…

L'epidemia del virus Ebol…

Estrogeni: possono suscitare rea…

Le donne sono piu' a risc…

Test del sangue per individuare …

Un nuovo test è in grado …

“Focus On” sul Rene Policistico.…

La malattia colpisce 60.0…

Cancro al seno: mutazione geneti…

La resistenza a un farmac…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

“Stum”, il gene che ci regala la percezione di noi stessi

Il suo nome viene da “stumble” (inciampare) per le anomalie motorie che provoca la sua assenza. Gioca un ruolo cruciale nella consapevolezza della propria posizione e del movimento di una parte del proprio corpo

“Stum”, il gene che ci dà la percezione di noi stessiWASHINGTON – Un team di ricercatori dello Scripps Research Institute (Usa) ha identificato un gene che gioca un ruolo cruciale nella percezione di sé stessi, nella consapevolezza della propria posizione e del movimento di una parte del proprio corpo. Si tratta di un aspetto cruciale della locomozione degli animali, dai nematodi ai mammiferi. Il gene noto come ‘stum’ – da “stumble” (inciampare) per le anomalie motorie che provoca la sua assenza – non si comporta come gli altri geni “propriorecettivi” che sono stati identificati finora.test_genetici

Il gene in questione è espresso in una sotto-popolazione di neuroni multidendritici che rilevano i movimenti meccanici delle articolazioni delle gambe piuttosto che nei neuroni ciliati sensoriali. I dendriti dei neuroni, che esprimono il gene “stum”, si contraggono quando le gambe si flettono o si estendono, stretching che causa un picco nel calcio cellulare.

Questi risultati, emersi dai test effettuati sui moscerini della frutta, suggeriscono che il gene ‘stum’ è necessario per la trasduzione di alcuni stimoli meccanici relativi al rilevamento delle angolature delle articolazioni. E dato che il gene si è evoluto e conservato in una vasta gamma di specie potrebbe rivelarci numerose informazioni su come un certo numero di creature, mammiferi inclusi, si muovono e si mantengono in equilibrio. Lo studio “The stum Gene Is Essential for Mechanical Sensing in Proprioceptive Neurons” è stato pubblicato sulla rivista Science.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x