Chewing gum: l'eccessiva mastica…

L'eccessivo consumo di c…

I flavonoidi sono alleati del cu…

La ricerca scientifica su…

Antibiotico e proteina bloccano …

Riuscire a fermare il…

Aspirina associata a eparina per…

[caption id="attachme…

Autismo: con trapianto di midoll…

Ricercatori della Univers…

Integratori contenenti il DMA po…

Se contengono dimetilam…

Sclerosi Multipla: "l'altra ipot…

La causa della Sclerosi M…

Cocaina: la dipendenza, col temp…

[caption id="attachment_5…

Impiantato cuore artificiale all…

[caption id="attachment_…

Calvizie: a Roma focus di dermat…

E' Roma la sede scelta pe…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Farmaci: nuovo metodo per crearne di nuovi

Un gruppo di scienziati dello Scripps Research Institute (Usa) ha sviluppato un metodo per modificare molecole organiche che potrebbe espandere significativamente le possibilita’ dello sviluppo di nuovi medicinali oppure migliorare quelli gia’ esistenti.


La ricerca e’ stata pubblicata sulla rivista ‘Nature’.tosse_farmaci Il metodo innovativo potrebbe rendere piu’ semplice la modifica dei composti organici esistenti attaccando dei ‘gruppi funzionali’ biologicamente attivi alle molecole del farmaco. Una tipica piccola molecola di un farmaco deve la sua attivita’ a gruppi funzionali di questo genere, che si legano a una relativamente semplice struttura, una sorta di spina dorsale, composta principalmente da atomi di carbonio.

I composti modificabili mediante la nuova tecnica includono le tetraidrochinoline, le benzooxazine, le aniline, le benzilamine: tutti prodotti che sono comunemente usati nella chimica medica come composti farmacologici e come composti intermedi.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x