Acne: la tintura di timo supera …

Le preparazioni erboristi…

Rivaroxaban ottiene la rimborsab…

Milano, 29 Agosto 2014 – …

Apoptosi programmata: un interru…

Usando nanoparticelle com…

Indice glicemico e rischio patol…

[caption id="attachment_7…

Antimicrobici ottenuti da una ve…

Un gruppo di scienziati …

HTA nel dolore muscoloscheletric…

Milano, 14 Aprile 2014 – …

Herpes simplex: epidemia globale…

L'infezione dal virus he…

Chemioterapia: presto un gelato …

Un gelato amico dei malat…

HIV: ricerca CNR spiega come il …

A pochi giorni dalla pubb…

Come bloccare infiammazione e in…

Scienziati scoprono il mo…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Farmaci: nuovo metodo per crearne di nuovi

Un gruppo di scienziati dello Scripps Research Institute (Usa) ha sviluppato un metodo per modificare molecole organiche che potrebbe espandere significativamente le possibilita’ dello sviluppo di nuovi medicinali oppure migliorare quelli gia’ esistenti.


La ricerca e’ stata pubblicata sulla rivista ‘Nature’.tosse_farmaci Il metodo innovativo potrebbe rendere piu’ semplice la modifica dei composti organici esistenti attaccando dei ‘gruppi funzionali’ biologicamente attivi alle molecole del farmaco. Una tipica piccola molecola di un farmaco deve la sua attivita’ a gruppi funzionali di questo genere, che si legano a una relativamente semplice struttura, una sorta di spina dorsale, composta principalmente da atomi di carbonio.

I composti modificabili mediante la nuova tecnica includono le tetraidrochinoline, le benzooxazine, le aniline, le benzilamine: tutti prodotti che sono comunemente usati nella chimica medica come composti farmacologici e come composti intermedi.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x