Tessuto adiposo di fianchi, glut…

[caption id="attachme…

HIV: studio dimostra dove il vir…

Identificata la regione d…

Vent’anni dei farmaci equivalent…

4 miliardi di risparmi da…

Depressione: livelli di folato e…

Scarsi livelli di vitamin…

Carenza di ferro e anemia: nel m…

Diete sbagliate e disturb…

Cancro orale, presto test della …

Presto sara' sviluppato u…

Dieta ipo-proteica per chi soffr…

Una dieta ipoproteica puo…

Linfoma periferico a cellule T: …

[caption id="attachme…

A Valenza una giornata di inform…

Mercoledì 13 aprile, a Va…

Quando il cervello viene salvato…

Ridurre la temperatura co…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Farmaci: nuovo metodo per crearne di nuovi

Un gruppo di scienziati dello Scripps Research Institute (Usa) ha sviluppato un metodo per modificare molecole organiche che potrebbe espandere significativamente le possibilita’ dello sviluppo di nuovi medicinali oppure migliorare quelli gia’ esistenti.


La ricerca e’ stata pubblicata sulla rivista ‘Nature’.tosse_farmaci Il metodo innovativo potrebbe rendere piu’ semplice la modifica dei composti organici esistenti attaccando dei ‘gruppi funzionali’ biologicamente attivi alle molecole del farmaco. Una tipica piccola molecola di un farmaco deve la sua attivita’ a gruppi funzionali di questo genere, che si legano a una relativamente semplice struttura, una sorta di spina dorsale, composta principalmente da atomi di carbonio.

I composti modificabili mediante la nuova tecnica includono le tetraidrochinoline, le benzooxazine, le aniline, le benzilamine: tutti prodotti che sono comunemente usati nella chimica medica come composti farmacologici e come composti intermedi.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!