AIDS: la scoperta del S. Raffael…

Un gruppo di ricercatori …

I pediatri italiani a Balduzzi: …

Un messaggio chiaro dal c…

Protesi al seno in silicone Pip:…

E' allarme in Francia per…

Alzheimer: attivita' bilingue al…

Parlare due lingue mette …

Proteine a colazione è salute

Una colazione con piu' ri…

E. coli: il 'killer' potrebbe av…

Su una superficie di rame…

Malattie rare: nuovo trial per l…

Dopo il recente annuncio …

Il gene che non fa produrre "odo…

Non tutti hanno bisogno d…

Correlazione tra bassi livelli d…

Bassi livelli di testost…

Epstein-Barr e Sclerosi multipla…

Uno studio della Fondaz…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Farmaci: nuovo metodo per crearne di nuovi

Un gruppo di scienziati dello Scripps Research Institute (Usa) ha sviluppato un metodo per modificare molecole organiche che potrebbe espandere significativamente le possibilita’ dello sviluppo di nuovi medicinali oppure migliorare quelli gia’ esistenti.


La ricerca e’ stata pubblicata sulla rivista ‘Nature’.tosse_farmaci Il metodo innovativo potrebbe rendere piu’ semplice la modifica dei composti organici esistenti attaccando dei ‘gruppi funzionali’ biologicamente attivi alle molecole del farmaco. Una tipica piccola molecola di un farmaco deve la sua attivita’ a gruppi funzionali di questo genere, che si legano a una relativamente semplice struttura, una sorta di spina dorsale, composta principalmente da atomi di carbonio.

I composti modificabili mediante la nuova tecnica includono le tetraidrochinoline, le benzooxazine, le aniline, le benzilamine: tutti prodotti che sono comunemente usati nella chimica medica come composti farmacologici e come composti intermedi.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi