L'Italian Rolfing week, per dire…

Sedute gratuite e seminar…

NEUROPROBES: il progetto per son…

[caption id="attachment_7…

Tumore al seno: fumo e recettori…

[caption id="attachment_8…

Difetti della coagulazione e odo…

Roma, 21 novembre 2013 - …

Cancro, nuove scoperte tra inter…

Sessanta nuovi geni poten…

Perdita di udito: come affrontar…

Circa il 16 per cento deg…

Tumori: una proteina correlata a…

La mancanza della protein…

Esami di imaging fanno lievitare…

Gli esami di imaging sono…

Morbillo: il virus che potrebbe …

Il virus del morbillo, in…

Oncologo: dalle sigarette elettr…

"Il vantaggio evident…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Gel anti-HIV per le donne, avanti con la ricerca

B0006824 Human immunodeficienncy virus (HIV)Il preparato ha prevenuto l’infezione in 5 scimmie macaco su 6

Un nuovo passo in avanti è stato effettuato nella realizzazione di un gel da applicare dopo i rapporti sessuali in grado di proteggere le donne dall’infezione dell’Hiv, il virus dell’immunodeficienza umana. I ricercatori statunitensi dei Centers for Disease Control and Prevention di Atlanta (Georgia) che hanno condotto lo studio, pubblicato su Science Translational Medicine, spiegano che il gel, per ora, è riuscito a proteggere dall’infezione cinque macaco femmine su sei: nonostante, quindi, il risultato segni un importante passo in avanti per la messa a punto di un unguento protettivo contro l’Hiv, la formulazione di quest’ultimo è ancora lontana dall’essere definitiva, e ancora lontana risulta pure essere l’applicazione sugli esseri umani. 

I ricercatori spiegano che i gel vaginali contenenti farmaci anti-Hiv hanno avuto alterne fortune nei test clinici umani. In quest’ultimo studio il team statunitense ha adottato un approccio diverso, basato sul testare il gel in un gruppo di scimmie femmine esposte al virus: e dallo studio è emerso che cinque delle sei scimmie a cui era stato applicato il preparato entro tre ore dal contatto col virus sono risultate protette dall’infezione.

Ampi studi clinici saranno necessari in futuro, spiegano i ricercatori, per testare il nuovo trattamento con l’obiettivo di riuscire a mettere a punto una versione di gel anti-Hiv efficace sugli uomini: per adesso, e probabilmente per molto tempo ancora, i preservativi rimarranno il metodo migliore per prevenire l’infezione. Nuovi studi dovranno inoltre essere condotti per capire a quante ore ammonta la finestra temporale entro cui il gel può essere somministrato senza penalizzarne l’efficacia.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!