AIDS: Ricerca USA-Italia proiett…

Una cura per l'Aids in …

Progetto Athena scopre il segret…

Ricercatori del progetto …

Allergie e acaro della polvere: …

[caption id="attachment_6…

La proteina chiave per interpret…

Si chiama TMHS ed ha un r…

Mal di schiena: arriva il softwa…

Presentato per la prima v…

Anoressia in età adolescenziale …

La gravita' e il tipo di …

Epatite B: verso una terapia gen…

[caption id="attachment_6…

L'apprendimento continua e migli…

Anche da adulti, il cerve…

Zucchero: potrebbe creare dipend…

Lo zucchero potrebbe ind…

Un codice etico che regolamenti …

COMUNICATO STAMPA UN C…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: le placche silenti indicano il rischio incipiente del declino cognitivo.

L’imaging del cervello tramite colorante radioattivo aiuta a individuare precocemente quei segni dell’Alzheimer che potrebbero predire il futuro declino cognitivo fra adulti con lieve o assente peggioramento cognitivo.


Lo studio della DUke University e’ stato pubblciato sulla rivista ‘Molecular Psychiatry’. L’identificazione delle placche beta-amiloidi silenti che si sviluppano nel cervello potrebbe aiutare i medici nelle decisioni terapeutiche per i pazienti a rischio di Alzheimer. alzheimer“La nostra ricerca – ha spiegato P. Murali Soraiswamy, fra gli autori dello studio – ha mostrato che gli adulti in salute e quelli con lievi perdite mnemoniche che risultano positivi allo scan cerebrale per queste placche hanno un declino della memoria, del linguaggio e del ragionamento piu’ veloce nel giro di tre anni”. Lo studio ha coinvolto 152 adulti con minimo 50 anni di eta’.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x