Malati di mieloma e linfoma: mig…

Oltre 9 milioni di person…

Progetto Giovani Pavia ’93: comi…

La campagna, resa possibi…

La quantità assoluta di geni spe…

[caption id="attachment…

Il CHMP europeo esprime parere p…

Foster City, California, …

Pediatria - Inaugurazione Aula D…

PATOLOGIE IN CALO E PATOL…

Parkinson: tre fattori che accel…

[caption id="attachment_6…

Chemio e radioterapia in gravida…

Presentati al congresso E…

Linfoma periferico a cellule T: …

[caption id="attachme…

FIBRE ALIMENTARI “Un prezioso al…

Roma,  giugno 2013. Al 73…

Asma allergico grave: quanto con…

Quando l’asma allerg…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: le placche silenti indicano il rischio incipiente del declino cognitivo.

L’imaging del cervello tramite colorante radioattivo aiuta a individuare precocemente quei segni dell’Alzheimer che potrebbero predire il futuro declino cognitivo fra adulti con lieve o assente peggioramento cognitivo.


Lo studio della DUke University e’ stato pubblciato sulla rivista ‘Molecular Psychiatry’. L’identificazione delle placche beta-amiloidi silenti che si sviluppano nel cervello potrebbe aiutare i medici nelle decisioni terapeutiche per i pazienti a rischio di Alzheimer. alzheimer“La nostra ricerca – ha spiegato P. Murali Soraiswamy, fra gli autori dello studio – ha mostrato che gli adulti in salute e quelli con lievi perdite mnemoniche che risultano positivi allo scan cerebrale per queste placche hanno un declino della memoria, del linguaggio e del ragionamento piu’ veloce nel giro di tre anni”. Lo studio ha coinvolto 152 adulti con minimo 50 anni di eta’.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi