Chewing gum: l'eccessiva mastica…

L'eccessivo consumo di c…

I flavonoidi sono alleati del cu…

La ricerca scientifica su…

Antibiotico e proteina bloccano …

Riuscire a fermare il…

Aspirina associata a eparina per…

[caption id="attachme…

Autismo: con trapianto di midoll…

Ricercatori della Univers…

Integratori contenenti il DMA po…

Se contengono dimetilam…

Sclerosi Multipla: "l'altra ipot…

La causa della Sclerosi M…

Cocaina: la dipendenza, col temp…

[caption id="attachment_5…

Impiantato cuore artificiale all…

[caption id="attachment_…

Calvizie: a Roma focus di dermat…

E' Roma la sede scelta pe…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: le placche silenti indicano il rischio incipiente del declino cognitivo.

L’imaging del cervello tramite colorante radioattivo aiuta a individuare precocemente quei segni dell’Alzheimer che potrebbero predire il futuro declino cognitivo fra adulti con lieve o assente peggioramento cognitivo.


Lo studio della DUke University e’ stato pubblciato sulla rivista ‘Molecular Psychiatry’. L’identificazione delle placche beta-amiloidi silenti che si sviluppano nel cervello potrebbe aiutare i medici nelle decisioni terapeutiche per i pazienti a rischio di Alzheimer. alzheimer“La nostra ricerca – ha spiegato P. Murali Soraiswamy, fra gli autori dello studio – ha mostrato che gli adulti in salute e quelli con lievi perdite mnemoniche che risultano positivi allo scan cerebrale per queste placche hanno un declino della memoria, del linguaggio e del ragionamento piu’ veloce nel giro di tre anni”. Lo studio ha coinvolto 152 adulti con minimo 50 anni di eta’.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x