Botox: un pò veleno, un pò medic…

La neurotossina nota per …

Ecografo a domicilio: saranno su…

Medicina interna e diagno…

Iperplasia prostatica benigna: i…

Iniziare i controlli iniz…

Retina: per ripararla, cellule s…

Dalle cellule staminali d…

I semplici collutori hanno alcun…

Due ingredienti molto com…

Cancro al seno: scoperta una nuo…

Gli scienziati dell’Insti…

Al giro di boa i lavori della co…

Ad Ischia si discute di m…

AIDS, secondo l'ICGEB per combat…

Risvegliare il virus …

Sale: invecchiamento precoce se …

Mangiare troppo sale può …

Globuli rossi da cellule stamina…

[caption id="attachment_8…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: le placche silenti indicano il rischio incipiente del declino cognitivo.

L’imaging del cervello tramite colorante radioattivo aiuta a individuare precocemente quei segni dell’Alzheimer che potrebbero predire il futuro declino cognitivo fra adulti con lieve o assente peggioramento cognitivo.


Lo studio della DUke University e’ stato pubblciato sulla rivista ‘Molecular Psychiatry’. L’identificazione delle placche beta-amiloidi silenti che si sviluppano nel cervello potrebbe aiutare i medici nelle decisioni terapeutiche per i pazienti a rischio di Alzheimer. alzheimer“La nostra ricerca – ha spiegato P. Murali Soraiswamy, fra gli autori dello studio – ha mostrato che gli adulti in salute e quelli con lievi perdite mnemoniche che risultano positivi allo scan cerebrale per queste placche hanno un declino della memoria, del linguaggio e del ragionamento piu’ veloce nel giro di tre anni”. Lo studio ha coinvolto 152 adulti con minimo 50 anni di eta’.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi