Salmonella ipervirulenta: dagli …

Individuato un metodo per…

Tac Spirale: indispensabile per …

Uno studio statunitense a…

X Fragile, studio chiarisce i me…

Nella sindrome, l'assenza…

Vitamine B6 e B12, dimostrata la…

[caption id="attachment_8…

Resveratrolo contro diabete e di…

Il resveratrolo, una dell…

Un software contro la droga

L’'Università di Milano-B…

Nelle malattie muscolari cronich…

Quando un danno al tess…

Tumore cerebrale: la radioterapi…

Un nuovo sistema consente…

Artrite reumatoide: per le donne…

Artrite reumatoide, per l…

Sequenziato genoma peronospora: …

[caption id="attachme…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sport e capacità neurocognitive: il football non ha alcuna azione negativa

Un nuovo studio, presentato durante il meeting annuale della American Academy of Orthopaedic Surgeons, ha suggerito che non esiste alcun legame diretto fra lo stato delle funzioni neurocognitive e gli anni passati a giocare a football, fra gli atleti adolescenti. Gli scienziati hanno guardato ai dati ottenuti fra agosto 1998 e agosto 2001 relativi a 1289 studenti delle superiori di New Orleans che giocavano a football.


I ragazzi avevano un’eta’ media di 15,9 anni e avevano giocato, mediamente, per un periodo di 4,4 anni. Solo il 4 per cento aveva riportato di aver sofferto di un trauma sportivo.brain-anxiety-study1 ”La correlazione tra il numero di anni in cui si gioca a football e le performance in test cognitivi non supporta l’ipotesi che la partecipazione a una collisione sportiva possa incidere negativamente sulle funzioni neurocognitive”, ha dichiarato Gregory W. Stewart, della Tulane School of Medicine, fra gli autori della ricerca. .

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!