Sguardo limpido e occhi bianchi:…

Con qualche bistecca in m…

Boehringer Ingelheim ha presenta…

Inoltrata alle autorità e…

Terapie anti-HIV: efficaci contr…

Le attuali terapie contro…

Cellulite: in USA ok al primo tr…

Autorizzata negli Stati U…

Equivalenti e biosimilari, un bi…

Si tiene oggi a Roma il C…

Creata sostanza contro la perdit…

Gli scienziati della Yal…

Autismo: le doti particolari del…

Il cervello delle persone…

A OLBIA L’OPEN DAY “LA SALUTE DE…

Il 26 novembre screening …

Robot origami: dal MIT una 'macc…

Da lontano sembra un bana…

Paracetamolo: ottimo placebo con…

Il paracetamolo non e' me…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sport e capacità neurocognitive: il football non ha alcuna azione negativa

Un nuovo studio, presentato durante il meeting annuale della American Academy of Orthopaedic Surgeons, ha suggerito che non esiste alcun legame diretto fra lo stato delle funzioni neurocognitive e gli anni passati a giocare a football, fra gli atleti adolescenti. Gli scienziati hanno guardato ai dati ottenuti fra agosto 1998 e agosto 2001 relativi a 1289 studenti delle superiori di New Orleans che giocavano a football.


I ragazzi avevano un’eta’ media di 15,9 anni e avevano giocato, mediamente, per un periodo di 4,4 anni. Solo il 4 per cento aveva riportato di aver sofferto di un trauma sportivo.brain-anxiety-study1 ”La correlazione tra il numero di anni in cui si gioca a football e le performance in test cognitivi non supporta l’ipotesi che la partecipazione a una collisione sportiva possa incidere negativamente sulle funzioni neurocognitive”, ha dichiarato Gregory W. Stewart, della Tulane School of Medicine, fra gli autori della ricerca. .

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi