Al Quarto World CTC Summit di Be…

Bologna,  24 aprile 2012–…

Il ritalin nella sindrome da ipe…

[caption id="attachment_6…

Tumori: all'IRE una lecture su t…

Aumentare l'efficacia del…

Risonanza magnetica al menisco: …

[caption id="attachment_1…

Linfoma non-Hodgkin: il vaccino.

L’ICGEB e l’Università di…

Il caffè e il buonumore

Il caffè pare abbia l…

Incubo Fibroma Uterino per una d…

ULIPRISTAL ACETATO 5MG: I…

Carcinoma midollare tiroideo: ar…

[caption id="attachment_6…

Al via la Campagna #NoiFermiamoL…

Janssen Italia e il Comun…

Cervello: funzionalita' comprome…

[caption id="attachment_5…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sport e capacità neurocognitive: il football non ha alcuna azione negativa

Un nuovo studio, presentato durante il meeting annuale della American Academy of Orthopaedic Surgeons, ha suggerito che non esiste alcun legame diretto fra lo stato delle funzioni neurocognitive e gli anni passati a giocare a football, fra gli atleti adolescenti. Gli scienziati hanno guardato ai dati ottenuti fra agosto 1998 e agosto 2001 relativi a 1289 studenti delle superiori di New Orleans che giocavano a football.


I ragazzi avevano un’eta’ media di 15,9 anni e avevano giocato, mediamente, per un periodo di 4,4 anni. Solo il 4 per cento aveva riportato di aver sofferto di un trauma sportivo.brain-anxiety-study1 ”La correlazione tra il numero di anni in cui si gioca a football e le performance in test cognitivi non supporta l’ipotesi che la partecipazione a una collisione sportiva possa incidere negativamente sulle funzioni neurocognitive”, ha dichiarato Gregory W. Stewart, della Tulane School of Medicine, fra gli autori della ricerca. .

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi