L'EBRI sigla accordo per creazio…

E' stato firmato dal comm…

Ragadi anali: un disturbo doloro…

[caption id="attachment_5…

Pillola del giorno dopo è contra…

La pillola del giorno dop…

NEUROMIELITE OTTICA: OGGI LA TER…

L’AIFA ha autorizzato l’i…

L’Italia dice addio alla fenform…

L’allarme, lanciato …

La Commissione Europea approva l…

 Telaprevir, farmaco per …

ARRIVA ALLE MOLINETTE UN NUOVO L…

Struttura Complessa di Ur…

Prostata: tumori mortali in nett…

I dati del congresso nazi…

JDRF e Medtronic insieme per la …

Collaborazione tra i lead…

Il ruolo della flora batterica n…

[caption id="attachment_8…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Smog: tra i probabili effetti il declino cognitivo

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Neurotoxicology, le persone che vivono in ambiente urbano hanno una maggiore probabilita’ di vivere il declino cognitivo con l’avanzare dell’eta’ per colpa dell’inquinamento atmosferico.


La ricerca di Nicole Gatto e colleghi della Loma Linda University si focalizza in particolare su tre inquinanti: ozono, biossido di azoto (NO2) e particolato PM2.5. Gli scienziati hanno coinvolto 1496 soggetti di eta’ media di 60,5 anni che risiedevano nell’area di Los Angeles. AlzheimerL’esposizione all’inquinamento atmosferico e’ stata assegnata a ogni residente mediante informazioni geografiche e sistemi di monitoraggio relativi al periodo 2000-2006. Le funzioni cognitive sono poi state valutate sulla base di una batteria di test neurofisiologici.

Un’esposizione ambientale all’NO2 superiore alle 20 parti per miliardo tendeva a essere associata a una minore memoria logica; l’esposizione a oltre 49 parti per miliardo di ozono, invece, danneggiava le funzioni esecutive. Non e’ ancora chiaro il meccanismo che si cela dietro questi effetti, anche se e’ probabile che queste sostanze chimiche causino stress ossidativo e infiammazione che portano a disfunzioni e/o morte delle cellule cerebrali.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi