Ablazione della vena safena in r…

[caption id="attachment_8…

Igiene orale e capacità cognitiv…

[caption id="attachment_1…

HPV: test Papillomavirus spesso …

- Il test per il papillom…

Progetto SCOOTT per debellare la…

[caption id="attachment_1…

Mappate le complesse connessioni…

Definita per la prima…

Cancro al colon: individuata pro…

Una nuova ricerca della W…

Sonno: diminuire le ore vuol dir…

Rinunciare anche solo a u…

Morbo di Parkinson: Michael J Fo…

Caccia alle 'spie' del Pa…

Fecondazione assistita: “Serve n…

L’appello della SIFES dal…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cancro al colon: individuata proteina responsabile delle metastasi

Una nuova ricerca della Washington University School of Medicine ha identificato una proteina probabilmente colpevole della diffusione aggressiva del cancro del colon.


Si tratta della PLAC8, i cui livelli elevati erano gia’ stati precedentemente associati al tumore del colon. Lo studio statunitense ha adesso scoperto che la proteina svolge un ruolo attivo nel processo di passaggio delle normali cellule di rivestimento del colon ad uno stato che incoraggia le metastasi. I risultati sono apparsi sul Journal of Clinical Investigation.    “Sapevamo gia’ che nel cancro del colon sono presenti livelli elevati di questa proteina”, ha spiegato Lilianna Solnica-Krezel, tra i responsabili dello studio. “Ora abbiamo dimostrato che la PLAC8 favorisce la transizione delle cellule tumorali verso uno stato che permette loro di diffondersi”, ha aggiunto. Il gruppo di ricerca ha osservato che le cellule del cancro al colon crescono in diverse forme: a sfere, cave, lisce o a grumi appuntiti con sporgenze che si estendono nei dintorni. Rispetto alle sfere lisce, i ‘ciuffi’ appuntiti si diffondono piu’ rapidamente permettendo al tumore di diventare piu’ invasivo nei topi. Quando i ricercatori hanno confrontato l’espressione genica tra le cellule che formano le sfere lisce e quelle che formano i cespi spinosi e’ emerso che nei secondi la PLAC8 era espressa a livelli estremamente elevati.

La scoperta potrebbe portare in futuro allo sviluppo di farmaci terapeutici che puntino alla proteina ma per il momento ha un valore prettamente diagnostico: il cancro al colon dei pazienti con alti livelli di questa proteina potrebbe essere etichettato come piu’ invasivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: