ALZHEIMER, UN NUOVO TEST LO INDI…

[caption id="attachment_1…

AssoGenerici al fianco della SIF…

Siglata una partnership p…

Dolore cronico: 26 febbraio gior…

Dolore cronico: ne soffro…

Emergenza Epatite C: quale progr…

Presentata oggi al Minist…

Cellule staminali: scoperte le c…

Un tipo di cellule stamin…

FDA dice si al nuovo test per la…

Approvato dalla Food and …

Cancro: combinazione di un farma…

La combinazione di farmac…

XANGO ITALY SOSTIENE OPERATION …

Joe Morton, fondatore e m…

Scoperto il 'turbo' molecolare c…

[caption id="attachment_5…

Iperparatiroidismo: condizione c…

Una dieta povera di calci…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

I macachi, che solidarizzano nel momento del bisogno

La consolazione spontanea non è prerogativa delle grandi antropomorfe o dell’uomo. Una ricerca appena pubblicata su ‘Evolution and Human Behavior’, frutto di un lavoro di squadra guidato da Elisabetta Palagi (università di Pisa e Cnr di Roma) e da Roscoe Stanyon (università di Firenze), ha dimostrato che la capacità di consolare è presente anche nei macachi, gruppo di primati che condivide con l’uomo un antenato comune vecchio circa 25 milioni di anni.

La consolazione è quindi una capacità antica, anche se non tutte le specie di macachi hanno la possibilità di esprimerla e infatti, tra le specie studiate finora, quella che ha mostrato capacità empatiche è anche la più tollerante. “Nel mondo delle scimmie – ha spiegato Palagi – ‘tolleranza’ vuol dire bassi livelli di aggressione, scarsa importanza del rango gerarchico a favore dell’amicizia, alti livelli di gioco anche tra adulti e frequente uso di segnali e comportamenti pacificatori”.Lat.:      S   Long.:     W   Alt. metros:I ricercatori hanno confrontato due specie di macachi, Macaca fuscata e Macaca tonkeana, caratterizzati l’uno da una società despotica e l’altro da una società egalitaria e tollerante. Le analisi condotte con le stesse tecniche e dagli stessi osservatori hanno evidenziato un elevato livello di capacità consolatorie nel macaco di Tonkean a differenza della specie despotica che non mostrava affatto questo comportamento.

Dopo un’aggressione, il consolatore si avvicinava spontaneamente alla vittima e la confortava con contatti amichevoli come abbracci, carezze e baci. I contatti corporei riducevano lo stress nella vittima che migliorava così il proprio stato emotivo. Le femmine, in particolare, mostravano elevati segnali di ansia dopo un’aggressione e, non a caso, erano proprio quelle consolate di più da tutti i membri del gruppo.

“I risultati dello studio – hanno concluso i ricercatori – suggeriscono che per comprendere l’evoluzione di un fenomeno complesso, come quello dell’empatia, è necessario studiare specie diverse caratterizzate da simili capacità cognitive ma da differenti strategie sociali. I macachi ci insegnano quindi che empatia e tolleranza sono fenomeni inscindibili e che, come tali, vanno studiati insieme”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi