Innovazione in campo nutrizional…

Il test genetico e l’inte…

Diabete: quali sono i legami con…

Ci sarebbe un legame tra …

Arriva il contraccettivo dei cin…

[caption id="attachment_8…

Il meccanismo che decide la fine…

I ricercatori del Sanford…

Carenza di ferro e anemia: nel m…

Diete sbagliate e disturb…

Il colore dei capelli 'estratto'…

E' possibile grazie all'i…

Il Consiglio di Stato conferma c…

Roma, 11 marzo 2013 - “Fa…

Cervello: la precarietà della ma…

L'instabilita' della …

Quando il dentista è in vacanza …

Dal dottor Marco Turc…

Scoprire e trattare l’intolleran…

Milano, 16 dicembre 2013 …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Inversione dei ruoli sessuali negli insetti: primo esemplare scoperto con ruoli invertiti

Scoperto il primo esemplare con genitali invertiti: femmine che hanno il pene e maschi che posseggono la vagina. Sono gli insetti del genere Neotrogla che vivono nelle grotte brasiliane.

Anche negli insetti “l’inversione” dei ruoli sessualiNEW YORK – L’inversione dei ruoli sessuali è stata identificata in diverse specie di animali ma adesso un nuovo studio firmato da Kazunori Yoshizawa della Hokkaido University ha scoperto il primo esempio di esemplare con genitali invertiti: femmine che hanno il pene e maschi che posseggono la vagina. Si tratta degli insetti del genere Neotrogla (Psocodea: Prionoglarididae) con quattro specie distinte ma correlate che vivono nelle grotte brasiliane. プリント

L’accoppiamento di questi insetti ha una durata impressionante: il rapporto riproduttivo può durare dalle quaranta alle settanta ore e vede le femmine inserire un organo simile ad un pene nell’organo aperto simile ad una vagina dei maschi. I ricercatori ritengono che l’inversione di ruoli e genitali sia stata evolutivamente guidata dall’ambiente povero di risorse delle cave in cui queste specie vivono.

I maschi offrono durante l’accoppiamento alle femmine ”doni seminali” nutrienti oltre allo sperma, rendendo vantaggioso per le femmine accoppiarsi più volte. Una volta dentro un maschio, il genitale della femmina si gonfia e diverse spine interne incastrano gli insetti nell’amplesso. Lo studio è stato presentato sulla rivista Current Biology.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!