Malaria: nuova strategia in grad…

[caption id="attachment_7…

Ebola: le mutazioni di un virus,…

Il virus dell'Ebola potre…

Il fungo della formica zombi

L'anomalo comportamento d…

Bruxismo: sempre più italiani vi…

Sempre più numerosi gli i…

ATS 2014 BPCO: primi dati di Fas…

San Diego, California (…

Confermata efficienza classe far…

[caption id="attachme…

Asparagi disintossicanti per il …

Troppo alcol durante le f…

TachoSil®, eccellenza dei farmac…

Numerosi studi clinici e …

Endometriosi: parte il trial del…

Un farmaco potrebbe ridur…

Scoperto un enzima che fa ringio…

Il 'famoso' coenzima Q10,…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Obesità: metabolismo riceve meno danni se i livelli di enzima Nnmt rimangono bassi

L’alterazione dei livelli di un enzima chiamato N-metiltransferase (Nnmt) potrebbe migliorare i trattamenti per l’obesita’ e il diabete di tipo 2.


A rivelarlo uno studio condotto da un gruppo di ricercatori del Beth Israel Deaconess Medical Center e della University of Iowa, e pubblicato su Nature. La riduzione della espressione degli enzimi Nnmt in alcuni topolini ha mostrato un effetto protettivo nei confronti dell’obesita’ causata da un erroneo regime alimentare.
la struttura teorica di un enzima

la struttura teorica di un enzima

I livelli di Nnmt tendono ad aumentare nel fegato e nei tessuti di grasso bianco dei topi diabetici, riportano gli scienziati. L’abbassamento dei livelli di Nnmt nei topi ha mostrato di tenerli magri nonostante una dieta ad alto consumo di grassi.

Inoltre, la riduzione dell’espressione degli enzimi Nnmt ha anche protetto contro le dannose conseguenze metaboliche dell’obesita’, come l’intolleranza al glucosio e l’accumulo di grassi nel fegato. Infine gli autori hanno scoperto che l’aumento della spesa energetica e’ responsabile dell’incremento della magrezza risultante dalla inibizione dei Nnmt.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi