Johnson & Jonhson annuncia un ac…

NEW BRUNSWICK, 28 gennaio…

La cattiva alimentazione tra le …

Aumentano in Italia i cas…

Tumori del sangue: tre geni deci…

TP53, RUNX1 e ASXL1 son…

Trapianto capelli: nuova tecnica…

Nuove frontiere per comba…

Cancro al fegato: vaccino vaiolo…

- Un farmaco ottenuto d…

Tumori: dalla metformina, per cu…

E' pubblicato su Nature C…

Ricostruita con le staminali una…

Chirurghi svedesi dell'Un…

Infarto: cure farmacologiche eff…

Dopo un attacco di cuore…

Nuovo sensore per il monitoraggi…

Roma, 17 maggio 2011 – Di…

Ictus: decimarne l'incidenza con…

Alla normale attività di …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Obesità: metabolismo riceve meno danni se i livelli di enzima Nnmt rimangono bassi

L’alterazione dei livelli di un enzima chiamato N-metiltransferase (Nnmt) potrebbe migliorare i trattamenti per l’obesita’ e il diabete di tipo 2.


A rivelarlo uno studio condotto da un gruppo di ricercatori del Beth Israel Deaconess Medical Center e della University of Iowa, e pubblicato su Nature. La riduzione della espressione degli enzimi Nnmt in alcuni topolini ha mostrato un effetto protettivo nei confronti dell’obesita’ causata da un erroneo regime alimentare.
la struttura teorica di un enzima

la struttura teorica di un enzima

I livelli di Nnmt tendono ad aumentare nel fegato e nei tessuti di grasso bianco dei topi diabetici, riportano gli scienziati. L’abbassamento dei livelli di Nnmt nei topi ha mostrato di tenerli magri nonostante una dieta ad alto consumo di grassi.

Inoltre, la riduzione dell’espressione degli enzimi Nnmt ha anche protetto contro le dannose conseguenze metaboliche dell’obesita’, come l’intolleranza al glucosio e l’accumulo di grassi nel fegato. Infine gli autori hanno scoperto che l’aumento della spesa energetica e’ responsabile dell’incremento della magrezza risultante dalla inibizione dei Nnmt.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi