A.I.D.A: cresce la domanda per d…

Il professionista del ben…

Riserva ovarica e gene guardiano…

La sovraespressione del…

Dengue: la malattia tropicale pi…

La febbre Dengue e' la ma…

Diabete: scoperti altri 10 nuovi…

Dieci nuove aree del Dna …

Il caffè assunto anche molte ore…

Secondo un nuovo studio i…

Giornata Nazionale SLA: La Socie…

Roma, 15 settembre 2016 -…

Come la mente crea mappature mul…

Un team di ricercatori no…

Tumore al seno: quando il ruolo …

Un nuovo studio condotto…

Tumori: Tra le prime cause raggi…

Le polveri di legno e i r…

In memoria di Steve Jobs: Creder…

"Nessuno vuole morire. An…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cannabis legale: il percorso della regolamentazione

Sono state pubblicate ieri le norme che regolamenteranno il mercato della marijuana legale.


La legalizzazione della cannabis era stata approvata dal Parlamento a dicembre scorso; le nuove regole saranno firmate dal presidente Jose Mujica e dai suoi ministri lunedì ed entreranno in vigore martedì. I consumatori di marijuana saranno tracciati in un registro e potranno acquistare fino a 10 grammi a settimana.    Nel giro di due settimane il governo raccoglierà le richieste dei coltivatori che intendono diventare rifornitori dello Stato. Entro dicembre, poi, sarà pronta una rete di farmacie autorizzate a vendere la cannabis ai consumatori registrati.

Il costo sarà di meno di un dollaro al grammo.
Come per il tabacco, ha spiegato il portavoce presidenziale Diego Canepa nell’annunciare tutte le novità, anche i pacchetti di marijuana riporteranno avvisi sui rischi per la salute. Si potrà fumare solo nelle case private e all’aperto. Inoltre gli automobilisti saranno sottoposti a controlli per verificare che non guidino sotto l’effetto della cannabis, come avviene già per gli alcolici. I coltivatori autorizzati potranno tenere sei piante per attività, non a persona come alcuni speravano. Chi acquisterà la marijuana in farmacia dovrà identificarsi tramite i rilevatori di impronte digitali, in modo da preservare l’anonimato, ma gli utilizzatori risulteranno naturalmente dal database del governo.

Lo Stato venderà cinque tipi differenti di cannabis, che conterranno al massimo un livello del 15% del principio attivo Thc. Ogni pacchetto avrò codice a barre e sarà registrato in una banca dati che permetterà alle autorità di risalire alla sua origine e, di conseguenza, di verificarne la legalità.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi