Come la cannabis crea i tilt nel…

In conseguenza del disacc…

Melanoma: per la corretta diagno…

Troppi nei sospetti vengo…

Nasce il Neonatal Network della …

In occasione del XX Congr…

Malaria: osservata speciale la m…

Gli scienziati hanno osse…

Genova, convegno internazionale …

[caption id="attachme…

Il sondino che fa dimagrire: ita…

Italiani sempre più 'rapi…

SISSA: diagnosi precoce dei tumo…

Nanotecnologie al servizi…

Ebola: America vicina ad un rime…

[caption id="attachment_8…

Alzheimer: tra i sintomi immedia…

Gli studiosi dell'Alzhei…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cellule in laboratorio: nuova tecnica per coltivarle senza farle mai morire

Coltivare in laboratorio cellule, sane o tumorali, senza farle mai morire: si tratta di una nuova tecnica che potrebbe accelerare di molto i tempi per la sperimentazione di nuovi farmaci anticancro.


E’ il risultato del lavoro, pubblicato su Plos One, di un gruppo di ricerca internazionale guidato da Anna Riegel dell’Università di Georgetown sfruttando le proprietà di un particolare tipo di staminali, le Cellule Riprogrammate in modo Condizionale (Crc).Pluripotent-Stem-Cells Sviluppate nel 2011 da un gruppo di ricerca della stessa università statunitense, le Crc sono cellule sane o tumorali trattate in modo tale da diventare ‘immortali’ e senza subire trasformazioni nel tempo.

Un analogo delle più note cellule staminali indotte ma con la differenza che le Crc si mantengono sempre identiche nel tempo e che possono tornare a comando allo stadio iniziale.

Testandole sui topi i ricercatori hanno ora dimostrato che queste cellule possono essere direttamente impiantate nei topi e ridurre notevolmente i normali tempi di ‘preparazione’ degli studi. Se ad esempio nei topi transgenici ‘tradizionali’ è necessario attendere circa 8 mesi prima di osservare l’insorgenza di particolari tumori alle ghiandole mammarie, con la nuova tecnica il tumore può essere direttamente impiantato da un topo all’altro, mantenendolo perfettamente uguale, e attendere meno di un mese.

Questo vuol dire migliorare la qualità dei dati ottenuti dalla ricerca preclinica e ridurre di molto queste fasi di lavoro: un passo importantissimo per accelerare la lotta contro il cancro.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi