Come la cannabis crea i tilt nel…

In conseguenza del disacc…

Melanoma: per la corretta diagno…

Troppi nei sospetti vengo…

Nasce il Neonatal Network della …

In occasione del XX Congr…

Malaria: osservata speciale la m…

Gli scienziati hanno osse…

Genova, convegno internazionale …

[caption id="attachme…

Il sondino che fa dimagrire: ita…

Italiani sempre più 'rapi…

SISSA: diagnosi precoce dei tumo…

Nanotecnologie al servizi…

Ebola: America vicina ad un rime…

[caption id="attachment_8…

Alzheimer: tra i sintomi immedia…

Gli studiosi dell'Alzhei…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Diabete di tipo 2: scoperta una molecola naturale

Un gruppo di scienziati dell’University Laval Faculty of Medicine ha scoperto una molecola naturale che potrebbe essere usata per trattare l’insulino-resistenza e il diabete di tipo 2.


La molecola, un derivato degli acidi grassi omega-3, riproduce alcuni degli effetti dell’esercizio fisico sulla regolazione del glusocio nel sangue. La ricerca e’ stata pubblicata sulla rivista ‘Nature Medicine’. Si sa che gli acidi grassi omega-3 possono aiutare a ridurre l’insulino-resistenza causata da una dieta molto ricca in grassi saturi.diabetes
In passato gli autori dello studio, Andre’ Marette e colleghi, hanno legato questi effetti a un lipide bioattivo chiamato protectina D1.

In indagini successive hanno scoperto che un altro membro della stessa famiglia, la protectina DX (PDX) innescava la produzione di interleukina 6 (IL-6) nelle cellule muscolari, secondo una risposta che si verifica anche durante l’esercizio fisico.

I ricercatori hanno usato topi transgenici per dimostrare il link tra la PDX e la IL-6 e hanno mostrato che, effettivamente, su topi obesi diabetici, la PDX migliorava notevolmente la risposta all’insulina, mentre in quelli che mancavano del gene IL-6, l’effetto sul controllo del glucosio nel sangue della PDX era molto piccolo.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi