Periodontite: buone nuove per mi…

Dodici milioni di tedesch…

Scoperto il meccanismo virale di…

I ricercatori sono stati …

Dimostrata, in uno studio regist…

Presentati all’ ASCO  201…

La risposta distruttiva della sa…

[caption id="attachment_6…

Dolore cronico: ne soffrono 350.…

Dalla prescrizione di far…

Colite ulcerosa: identificata un…

[caption id="attachment_8…

Da farmaco anti-tumorale possibi…

[caption id="attachment_…

La nuova mappa cerebrale e il co…

È online il secondo blocc…

Depressione: in donne di mezza e…

Le donne depresse di …

Occhi, studio su correlazione tr…

Nuova luce sull'interazio…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Diabete di tipo 2: scoperta una molecola naturale

Un gruppo di scienziati dell’University Laval Faculty of Medicine ha scoperto una molecola naturale che potrebbe essere usata per trattare l’insulino-resistenza e il diabete di tipo 2.


La molecola, un derivato degli acidi grassi omega-3, riproduce alcuni degli effetti dell’esercizio fisico sulla regolazione del glusocio nel sangue. La ricerca e’ stata pubblicata sulla rivista ‘Nature Medicine’. Si sa che gli acidi grassi omega-3 possono aiutare a ridurre l’insulino-resistenza causata da una dieta molto ricca in grassi saturi.diabetes
In passato gli autori dello studio, Andre’ Marette e colleghi, hanno legato questi effetti a un lipide bioattivo chiamato protectina D1.

In indagini successive hanno scoperto che un altro membro della stessa famiglia, la protectina DX (PDX) innescava la produzione di interleukina 6 (IL-6) nelle cellule muscolari, secondo una risposta che si verifica anche durante l’esercizio fisico.

I ricercatori hanno usato topi transgenici per dimostrare il link tra la PDX e la IL-6 e hanno mostrato che, effettivamente, su topi obesi diabetici, la PDX migliorava notevolmente la risposta all’insulina, mentre in quelli che mancavano del gene IL-6, l’effetto sul controllo del glucosio nel sangue della PDX era molto piccolo.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi