Emofilia: arriva una nuova prote…

Grazie a procedure biotec…

Idrocolonterapia: messi in dubbi…

L'idrocolonterapia, metod…

Pallacanestro Varese e Teva Ital…

Continua l’impegno dell…

Ricette di buona salute: Heinz B…

[caption id="attachme…

Premio Nobel per la fisica ai pi…

"A cosa serve la nostra i…

Al Congresso europeo di Radioter…

Nell'ambito del Congresso…

Gravidanza OK grazie ad una prot…

Una nuova ricerca de…

Alzheimer: tra i sintomi immedia…

Gli studiosi dell'Alzhei…

La vitamina D fattore protettivo…

[caption id="attachment_9…

Alzheimer: sperimentazione nuova…

Il morbo di Alzheimer e' …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Mal di schiena: ereditario nel 50% dei casi

Un ‘fardello’ che, in circa la metà dei casi, si eredita da mamma e papà.

E’ il mal di schiena, “fra le prime tre cause che portano una persona dal medico di famiglia e che, in Paesi come il Portogallo, ma verosimilmente anche in Italia, arriva a rappresentare fino al 9% del Pil fra costi diretti e indiretti”. A presentare dati sulla genetica legata al male ‘principe’ è stato Massimo Allegri, terapista del dolore all’università di Pavia, Fondazione Irccs San Matteo, in occasione del ‘World Medicine Park’ in corso a Minorca.
“Il mal di schiena è ereditario in una buona percentuale di pazienti – spiega Allegri all’Adnkronos Salute – I dati meno recenti parlano del 50% dei casi che è ‘scritto nei geni’, ma alcuni più recenti arrivano a dire che il 70% della predisposizione a questo problema è appunto ereditario”.

In pratica, in alcuni nostri geni è contenuta “la possibilità di sviluppare predittori di rischio del mal di schiena – approfondisce l’esperto – cioè si eredita dai propri genitori il fatto che la colonna vertebrale abbia più facilità a degenerare. La scienza si sta ora focalizzando sullo studio non solo dei geni coinvolti, ma di come si esprimono all’interno del nostro organismo, che è qualcosa di ancora più ereditabile”.

“Organizzare altri studi è il primo passo da fare – prosegue Allegri – dopodiché si potrà verosimilmente intervenire per prevenire e trattare questo disturbo nella maniera più mirata possibile, anche a seconda della professione che una persona svolge.

In parole povere, se qualcuno va incontro a un qualsiasi trauma verrà trattato diversamente, e in maniera più incisiva, se portatore di determinati geni. Se prendi un calcio e hai i geni ‘spia’ del mal di schiena, ti darò subito un farmaco antinfiammatorio più forte”. E nel futuro più lontano, “si potrà arrivare a ‘spegnere’ i geni del mal di schiena”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!