Gruppo Ictus Emiplegia Onlus, la…

Tra i servizi, una linea …

Fecondazione Eterologa: Raggiunt…

“Adesso è ufficiale. Sono…

Artrite reumatoide: l'uso di sta…

L'interruzione della tera…

Malaria: trovate proteine resist…

Una ricerca del Johns Ho…

Telethon dice stop alle emorragi…

[caption id="attachment_9…

Doppel: la proteina dai due volt…

[caption id="attachment_1…

Neuromielite ottica: effettuato …

Un trapianto di midollo c…

Uso di antibiotici e l'MRSA: ric…

Ricercatori che stavano s…

Premiate le foto vincitrici del …

Centinaia gli iscritti al…

Stress ossidativo: Telethon svel…

Dalla ricerca Telethon su…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Gravidanza: una donna su tre ha scarsi livelli di iodio

Quasi una donna incinta su tre ha uno scarso livello di iodio.


A rivelarlo, un nuovo studio della American Academy of Pediatrics, che raccomanda alle future madri di aggiungere supplementi di iodio alla propria alimentazione. Si tratta della prima volta che l’American Academy of Pediatrics si pronuncia sui livelli di iodio delle donne incinte. Lo iodio produce ormoni della tiroide, che contribuiscono a un sano sviluppo del cervello dei neonati.

Molecola di iodio

Molecola di iodio

Secondo quanto riportato dall’Academy of Pediatrics, solo una piccola percentuale di donne incinte assume integratori di iodio.

I ricercatori hanno scoperto infatti che solo il 15 per cento delle donne incinte e delle donne che allattano al seno prende correntemente supplementi di iodio e la cosa e’ stata definita “preoccupante”.

“Probabilmente, la maggior parte delle persone non riesce a comprendere quale sia l’importanza di un adeguato livello di iodio nella propria dieta per il normale sviluppo del feto e le donne con livelli bassi di iodio non ricevono adeguate indicazioni per ripristinare uno status iodico sufficientemente alto”, ha commentato Jerome Paulson, tra gli autori dello studio.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi