L'importanza del DNA in 3D

Una nuova tecnica messa a…

Fecondazione: da staminali embri…

Ricercatori dello Shangha…

Un nuovo laser risolve l'ipertro…

L’ipertrofia prostatica b…

La luce influisce cognitivamente…

La luce migliora l'attivi…

Cellule staminali da laboratorio

Cellule staminali isolate…

Parkinson: stimolazione profonda…

Lo conferma il primo stud…

Trapianto reni: si valutano le s…

[caption id="attachme…

Fumo: il declino cognitivo accel…

Non solo la pelle, anche …

I polifenoli dell'olio di oliva …

[caption id="attachment_8…

Un nuovo stent a rilascio di far…

Al 7° Summit internaziona…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Neurologia sperimentale e Sclerosi Multipla: l’intervento della Società Italiana di Neurologia in occasione della Giornata Mondiale

SIN

Roma, 26maggio 2014 – In vista della Giornata Mondiale della Sclerosi Multipla (SM), che si celebrerà il prossimo 28 maggio, la Società Italiana di Neurologia (SIN) sottolinea gli importanti progressi terapeutici raggiunti negli ultimi anni dalla ricerca scientifica, che permettono oggi trattamenti personalizzati per i pazienti affetti da SM.

La Sclerosi multipla, malattia infiammatoria del sistema nervoso centrale, colpisce circa 2,5 milioni di persone al mondo, di cui 600.000 in Europa e circa 70.000 in Italia, insorge abitualmente tra i 20 e 40 anni con una frequenza due volte superiore nelle donne. Si tratta di una malattia cronica spesso progressiva che determina lesioni a carico del sistema nervoso centrale; sebbene le cause esatte siano ancora sconosciute, gli esperti concordano sul fatto che sia una patologia di carattere autoimmune i cui fattori di rischio sono legati a fattori genetici, ambientali e al sesso.

“Grazie alle scoperte della neurologia sperimentale che indaga sui meccanismi molecolari che sottendono le malattie – afferma Giancarlo Comi, Past President SIN e Direttore Dipartimento Neurologico e Istituto di Neurologia Sperimentale Università Vita-Salute, Ospedale San Raffaele di Milano – oggi è possibile personalizzare l’intervento terapeutico in pazienti con sclerosi multipla, massimizzando i benefici e minimizzando i rischi; inoltre, questo approccio favorisce un risparmio di risorse economiche, perché evita l’impiego improduttivo di farmaci spesso molto costosi.”

I sintomi più comuni della sclerosi multipla sono perdita di equilibrio, cattiva coordinazione, tremori, disturbi del linguaggio, vista sfocata; si può arrivare alla paralisi e alla cecità. Con le ricadute si ha un peggioramento improvviso di uno o più sintomi o la comparsa di sintomi nuovi. Non esiste ancora una cura definitiva per questa terribile patologia cronica, ma oggi sono disponibili terapie che permettono di rallentare la progressione della malattia e limitare la gravità e la durata delle ricadute nonché l’impatto dei sintomi, migliorando significativamente la qualità di vita dei pazienti.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x