Igiene delle mani, perché è impo…

L’igiene delle mani è…

Marijuana e salute: una relazion…

L’uso abituale di marijua…

Medicina rigenerativa: scoperto …

Un gruppo di scienziati d…

La scommessa italiana per la cur…

La ricerca sulla fibrosi …

HIV e prevenzione: la scoperta p…

Secondo la rivista Scienc…

Dati di uno studio di Fase III d…

Dati di uno studio di Fas…

FOFI e ALLIANCE HEALTHCARE ITALI…

 Altre 14 farmacie d’emer…

Aspartame: torna a far parlare d…

Nuovi sospetti per l'aspa…

La "Molecola Trofeo" potrebbe ri…

Alcuni ricercatori hanno …

Scienziati approvano i nuovi mat…

[caption id="attachment_9…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sclerosi multipla: differenze cerebrali ‘di genere’ che rendono le donne più vulnerabili

La differenza che c’e’ tra il cervello di un uomo e di una donna potrebbe aiutare a spiegare perche’ il gentil sesso e’ maggiormente vulnerabile all’insorgenza della sclerosi multipla.


Almeno secondo un nuovo studio condotto dalla Washington University School of Medicine.
Negli ultimi anni i tassi di diagnosi di sclerosi multipla sono aumentati molto piu’ rapidamente tra le donne, che si ammalano della patologia quasi quattro volte piu’ degli uomini.  I motivi non sono chiari ma la ricerca offre uno spunto in piu’.Dalle osservazioni effettuate sui topi e sull’uomo, i ricercatori hanno scoperto che le donne suscettibili alla sclerosi multipla producono livelli piu’ alti di una proteina recettore del vaso sanguigno, la S1PR2, degli uomini. La proteina e’ presente in quantita’ decisamente maggiori nella aree cerebrali che la sclerosi multipla danneggia tipicamente. I risultati suggeriscono di sviluppare un farmaco che disattivi la S1PR2.
La proteina apre la barriera ematoencefalica, struttura nei vasi sanguigni che gestisce i materiali che attraversano il cervello e il liquido spinale. La barriera normalmente blocca le sostanze potenzialmente nocive, impedendo la penetrazione nel cervello. L’apertura probabilmente permette alle cellule infiammatorie che causano la sclerosi multipla di entrare nel sistema nervoso centrale.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!