Cellule staminali "incapsulate" …

Cellule staminali 'incaps…

Analisi specifica svela la vita …

[caption id="attachment_8…

Ricostruzione della mammella arr…

[caption id="attachment_4…

Osservatorio influenza:Isolati i…

10 Marzo 2015. Alla fine …

La Procura di Torino indaga la S…

Somministrazione di farma…

L’estate e le infezioni della pe…

Le patologie cutanee nei …

Fecondazione eterologa: sulla do…

“In qualità di società sc…

comunicato stampa urologia andro…

Presentata in diretta…

Tubercolosi: vaccino funziona su…

Un nuovo vaccino che comb…

La paura non è tutta "smistata" …

Per provare paura, l'amig…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

The Effects Of Water And Non-Nutritive Sweetened Beverages On Weight Loss During A 12-Week Behavioral Weight Loss Treatment Program

ISAPeters JC et al. Obesity 2014

(Gli effetti dell’acqua e delle bevande a basso o nullo contenuto calorico sulla perdita di peso durante un programma comportamentale di perdita di peso di 12 settimane)

SINTESI 

INTRODUZIONE 

Uno studio controllato e randomizzato, pubblicato online il 27 Maggio 2014 sulla rivista ‘Obesity’, è il primo a paragonare gli effetti delle bevande comunemente conosciute come bevande a basso o nullo contenuto calorico a quelli dell’acqua sulla perdita di peso.

I risultati hanno mostrato quanto segue:

Perdita di peso: Il gruppo che ha consumato bevande a basso o nullo contenuto calorico ha perso il 45% di peso in più- una media di 5.95kg nell’arco di 12 settimane – rispetto al gruppo di controllo che ha consumato acqua, il quale ha registrato in media una perdita di peso di 4.09kg nello stesso periodo di tempo.

Diminuzione della Fame: le persone che hanno consumato bevande a basso o nullo contenuto calorico hanno riportato un minore senso di fame rispetto al gruppo di controllo.

Riduzione del Colesterolo: Il gruppo che ha consumato bevande a basso o nullo contenuto calorico ha registrato una riduzione due volte maggiore dei livelli ematici di lipoproteine ​​a bassa densità – il cosiddetto colesterolo “cattivo” che è collegato ai disturbi cardiaci – rispetto a quelli del gruppo di controllo.

METODOLOGIA

Il trial clinico prospettico e randomizzato di 12 settimane ha misurato gli effetti delle bevande a basso o nullo contenuto calorico sulla perdita di peso all’interno di un programma di dieta comportamentale che ha coinvolto 279 uomini e donne. E’ stato condotto contemporaneamente dai ricercatori dell’Anschutz Center for Health and Wellness dell’Università del Colorado di Denver e della Temple University Medical School di Philadelphia. Ai partecipanti sono state fatte consumare o bevande a basso o nullo contenuto calorico, o acqua (gruppo di controllo). Entrambi i gruppi hanno seguito la stessa dieta e lo stesso regime di esercizio fisico. Il gruppo di controllo doveva bere almeno 24 once (circa 700 ml) di acqua al giorno. Era loro permesso di mangiare cibo contenete edulcoranti a basso o nullo contenuto calorico, ma non potevano consumare bevande dietetiche o mettere sostituti dello zucchero nel caffè, tè o altre bevande. Il gruppo delle bevande a basso o nullo contenuto calorico doveva invece bere almeno 24 once al giorno di queste bevande.

IMPLICAZIONI

I risultati di questo studio clinico confermano che le bevande contenenti edulcoranti a basso o nullo contenuto calorico, quando consumate all’interno di un programma di perdita di peso, possono aiutare le persone a perdere peso e ridurre la sensazione di fame. Questa ricerca indica che gli edulcoranti a basso o nullo contenuto calorico sono opzioni importanti per aiutare le persone a raggiungere una dieta sana, senza rinunciare al gusto dolce.

I risultati di questo studio sono supportati da altri ricerche e recensioni[1],[2], e dimostrano che gli edulcoranti a basso o nullo contenuto calorico possono favorire un sano mantenimento del peso e la perdita di peso. Il professor Anne Raben, Università di Copenhagen, ha esaminato alcuni di questi studi alla Conferenza ISA di aprile 2014[3]

[1]Bellisle F & Drewknowski A. Eur J Clin Nutr 2007; 61: 691–700.

[2] Mattes RD & Popkin BM. Am J Clin Nutr 2009; 89(1): 1–4.

[3] Disponibile su: http://www.sweeteners.org/en/event/isa-conference-2014

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!