Benzodiazepine per gli anziani p…

Le benzodiazepine aumenta…

Vaccini: perché 4 genitori su 10…

(ADNKRONOS) Paura della f…

Tumori al seno: gli oncologi all…

Ogni anno in Italia 2.500…

Meditazione meglio delle cure fa…

La meditazione sembra ess…

La settimana del "meno sale", ch…

Limitando il consumo di…

La strategia dei globuli bianchi…

Lo studio è giudicato imp…

Massimo rigore con chi infrange …

Il presidente dell’Ordine…

Setticemia nei prematuri: al San…

[caption id="attachme…

Colonie batteriche coese come un…

[caption id="attachment_6…

Il rapporto tra resistenza musco…

[caption id="attachment_1…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

The Effects Of Water And Non-Nutritive Sweetened Beverages On Weight Loss During A 12-Week Behavioral Weight Loss Treatment Program

ISAPeters JC et al. Obesity 2014

(Gli effetti dell’acqua e delle bevande a basso o nullo contenuto calorico sulla perdita di peso durante un programma comportamentale di perdita di peso di 12 settimane)

SINTESI 

INTRODUZIONE 

Uno studio controllato e randomizzato, pubblicato online il 27 Maggio 2014 sulla rivista ‘Obesity’, è il primo a paragonare gli effetti delle bevande comunemente conosciute come bevande a basso o nullo contenuto calorico a quelli dell’acqua sulla perdita di peso.

I risultati hanno mostrato quanto segue:

Perdita di peso: Il gruppo che ha consumato bevande a basso o nullo contenuto calorico ha perso il 45% di peso in più- una media di 5.95kg nell’arco di 12 settimane – rispetto al gruppo di controllo che ha consumato acqua, il quale ha registrato in media una perdita di peso di 4.09kg nello stesso periodo di tempo.

Diminuzione della Fame: le persone che hanno consumato bevande a basso o nullo contenuto calorico hanno riportato un minore senso di fame rispetto al gruppo di controllo.

Riduzione del Colesterolo: Il gruppo che ha consumato bevande a basso o nullo contenuto calorico ha registrato una riduzione due volte maggiore dei livelli ematici di lipoproteine ​​a bassa densità – il cosiddetto colesterolo “cattivo” che è collegato ai disturbi cardiaci – rispetto a quelli del gruppo di controllo.

METODOLOGIA

Il trial clinico prospettico e randomizzato di 12 settimane ha misurato gli effetti delle bevande a basso o nullo contenuto calorico sulla perdita di peso all’interno di un programma di dieta comportamentale che ha coinvolto 279 uomini e donne. E’ stato condotto contemporaneamente dai ricercatori dell’Anschutz Center for Health and Wellness dell’Università del Colorado di Denver e della Temple University Medical School di Philadelphia. Ai partecipanti sono state fatte consumare o bevande a basso o nullo contenuto calorico, o acqua (gruppo di controllo). Entrambi i gruppi hanno seguito la stessa dieta e lo stesso regime di esercizio fisico. Il gruppo di controllo doveva bere almeno 24 once (circa 700 ml) di acqua al giorno. Era loro permesso di mangiare cibo contenete edulcoranti a basso o nullo contenuto calorico, ma non potevano consumare bevande dietetiche o mettere sostituti dello zucchero nel caffè, tè o altre bevande. Il gruppo delle bevande a basso o nullo contenuto calorico doveva invece bere almeno 24 once al giorno di queste bevande.

IMPLICAZIONI

I risultati di questo studio clinico confermano che le bevande contenenti edulcoranti a basso o nullo contenuto calorico, quando consumate all’interno di un programma di perdita di peso, possono aiutare le persone a perdere peso e ridurre la sensazione di fame. Questa ricerca indica che gli edulcoranti a basso o nullo contenuto calorico sono opzioni importanti per aiutare le persone a raggiungere una dieta sana, senza rinunciare al gusto dolce.

I risultati di questo studio sono supportati da altri ricerche e recensioni[1],[2], e dimostrano che gli edulcoranti a basso o nullo contenuto calorico possono favorire un sano mantenimento del peso e la perdita di peso. Il professor Anne Raben, Università di Copenhagen, ha esaminato alcuni di questi studi alla Conferenza ISA di aprile 2014[3]

[1]Bellisle F & Drewknowski A. Eur J Clin Nutr 2007; 61: 691–700.

[2] Mattes RD & Popkin BM. Am J Clin Nutr 2009; 89(1): 1–4.

[3] Disponibile su: http://www.sweeteners.org/en/event/isa-conference-2014

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!