AIRP presenta il libro "Dentro d…

“ARPKD chiama, AIRP rispo…

USA: Studi concentrati su come i…

[caption id="attachment_7…

Pediatria: il sonno nei bambini …

Dormire in modo irregol…

Da scarti di pomodori e spremitu…

Nei rifiuti non sono cont…

Autorizzazione europea alla comm…

[caption id="attachment_1…

Acqua: gli italiani non si attes…

Meno di un litro di liqui…

Un derivato dei coralli del Mar …

[caption id="attachment_7…

Anemia: OK agli integratori di f…

Gli integratori di ferro …

Meningite: arriva primo vaccino …

[caption id="attachment_9…

Una tazzina extra di caffé al dì…

-Una tazza di caffe' in p…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Trichomonas vaginalis: il nesso tra infezione e cancro alla prostata

Il microrganismo favorirebbe la moltiplicazione delle cellule malate

Trichomonas vaginalis è un parassita che si trasmette durante i rapporti sessuali. Non sempre produce sintomi, ma quando si manifesta la tricomoniasi, un’infezione che può colpire indifferentemente donna e uomo, si presentano bruciore e prurito. Proprio la tricomoniasi potrebbe avere un legame con il cancro alla prostata. È l’ipotesi rilanciata da uno studio della Università della California condotto in collaborazione con i ricercatori italiani dell’Università di Sassari.trichomonas_vaginalis

La relazione tra microrganismi patogeni e il cancro alla prostata era già stata proposta da altri studi. Il team internazionale, a cui partecipano gli italiani Pier Luigi Fiori, Daniele Dessì, Paola Rappelli e Anna Rita Cocco dell’Università di Sassari, ha cercato conferme a questo rapporto.

Nello studio, pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences, gli scienziati hanno condotto test su cellule umane della prostata scoprendo che il protozoo Trichomonas vaginalis aiuta il cancro a crescere. Il microrganismo, infatti, rilascia una proteina che favorisce l’infiammazione e incrementa il disordine cellulare in caso di cancro.

Infezione molto comune – La tricomoniasi è la più frequente infezione non virale: colpisce circa 275 milioni di persone e si trasmette nei rapporti vaginali. Non sempre produce sintomi, che generalmente sono dolore o bruciore mentre si urina sia per lui che per lei, dolore dopo l’eiaculazione, perdite vaginali o dal pene, bolle, prurito e irritazione, crampi ai genitali per la donna.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x