Genetica e asma: riflessioni

[caption id="attachment_1…

Alzheimer: i due migliori strume…

[caption id="attachment_8…

Gli "occhi del cervello", parola…

Il cervello ha occhi ovun…

Parkinson: l'impossibilita' di e…

[caption id="attachment_7…

Virologia: l'ipotesi della pompa…

[caption id="attachment_9…

Tassi di mutazione genetica: com…

Dallo studio esce ridimen…

Epatite C: Egitto detiene il rec…

L'Italia a capo della squ…

Lo stato di invecchiamento di un…

L’osservazione dello stat…

Nell'emisfero sinistro la capaci…

< Ricercatori del Medea e…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

AIDS: creato un modello di virus per agevolare il lavoro dei ricercatori

Il virus dell’Hiv causa l’Aids solo negli esseri umani e negli scimpanze’ e questi ultimi non costituiscono un modello pratico per le ricerche scientifiche finalizzate a sconfiggere questo virus altamente selettivo.

L’Hiv infatti non infetta specie differenti dagli ospiti abituali, una caratteristica che ha reso sinora piu’ complesso testare terapie efficaci per l’uomo sui modelli animali. Un nuovo studio della Rockfeller University (Usa), pubblicato sulla rivista ‘Science’, potrebbe aver risolto il problema. HIVI ricercatori statunitensi hanno annunciato di aver prodotto una forma leggermente modificata di Hiv che non si limita a infettare il macaco nemestrino (Macaca nemestrina), una specie di scimmia, ma induce anche lo sviluppo dell’Aids nel primate.

“Con questo traguardo – ha spiegato Paul Bieniasz, tra gli autori – abbiamo fatto un passo in avanti verso la creazione di un nuovo modello per l’Aids utilizzabile universalmente nella ricerca su prevenzione e trattamenti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: