Silicon Biosystem annuncia: acce…

Bologna, 6 Giugno 2011 - …

Epidemia Epatite A, ed è allarme…

Pomodori essiccati al sol…

Adenovirus: puzzle della struttu…

[caption id="attachment_8…

Cellule staminali da laboratorio

Cellule staminali isolate…

Nanotubi di carbonio: come il me…

[caption id="attachment_9…

Autismo: sovrabbondanza di conne…

[caption id="attachment_8…

L'autosufficienza piena nella pr…

Roma, 20 febbraio 201…

Massa grassa: importante durante…

[caption id="attachme…

Il successo delle prenotazioni d…

L'importante ruolo delle …

Autismo: al via il progetto pedi…

Prende il via, a Vicenza,…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Fecondazione eterologa: sulla donazione dei gameti occorrono linee guida

header“In qualità di società scientifica siamo pronti a sostenere l’attività del legislatore a tutela della coppia e della privacy” ha dichiarato il professor Vincenzo De Leo, presidente della Società Italiana della Riproduzione (SIdR). “Solamente così” ha messo in chiaro “potremo evitare confusione e speculazioni su questo delicato tema”.

Roma, 6 giugno 2014 – Ben vengano tutte le iniziative individuali che stimolano il dibattito sulla fecondazione eterologa, ma è essenziale colmare il prima possibile – e a livello centrale – il vuoto legislativo creatosi in seguito alla recente sentenza della Corte Costituzionale”. Commenta così il professor Vincenzo De Leo, presidente della Società Italiana della Riproduzione (SIdR), la proposta di istituire una vera e propria “banca dei gameti” presentata ieri alla Camera dei deputati dalla neonata Aidagg (Associazione altruistica e gratuita di donazione dei gameti) in seguito alla dichiarazione di incostituzionalità del divieto di fecondazione eterologa espressa recentemente dalla Corte Costituzionale.

“Ogni impulso che spinga l’opinione pubblica e i legislatori ad affrontare il tema della fecondazione eterologa è il benvenuto” commenta il professor De Leo. “Tuttavia” aggiunge “è necessario che questa opportunità venga presto regolamentata a livello centrale attraverso precise linee guida a tutela della coppia e del diritto alla privacy”.

In qualità di Società scientifica” sottolinea il presidente della SIdR “siamo pronti a offrire il nostro supporto tecnico, come già segnalato più volte al legislatore”. “L’intervento delle Società scientifiche specializzate” conclude “è essenziale per evitare confusione e non rischiare speculazioni davvero fuori luogo quando si parla di un tema sociale delicato come quello legato alla fecondazione eterologa”.

Società Italiana della Riproduzione
La S.I.d.R. è una libera Associazione interdisciplinare, apolitica, senza fini di lucro fondata nel 1999 a seguito di sollecitazioni e consensi provenienti da più parti, su iniziativa di un folto gruppo di medici e ricercatori. La S.I.d.R. ha lo scopo di favorire lo sviluppo della clinica, della ricerca e dell’informazione, nonché di favorire e promuovere l’aggiornamento e l’educazione permanente in tema di medicina e biologia della riproduzione.

L’Associazione si rivolge al contesto scientifico Italiano della riproduzione in tutte le sue diverse connotazioni sia applicative che di base, anche attraverso le più ampie aperture verso le Società scientifiche affini, le Associazioni degli utenti ed il mondo della ricerca e della produzione farmaceutica. I suoi associati sono infatti per lo più medici, biologi e ricercatori che operano nei settori della medicina e della biologia della riproduzione compreso quello delle te cnologie e delle biotecnologie riproduttive applicate agli animali domestici e di laboratorio.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi