Ebola: la migliore risposta attu…

Sono diverse le soluzioni…

Scoperto il recettore che 'frena…

Studio della Statale di M…

Alzheimer e demenza: quattro gen…

Se, come e quando il cerv…

Miopatie muscolari: l'errata dis…

La posizione errata dei n…

Tiroide: sei milioni di italiani…

Di notte si girano e rigi…

Cellule staminali: approvata pri…

Per la prima volta una te…

Allergia alle arachidi: mangiarl…

Studio dei ricercatori in…

Huntington, scoperta la causa Nu…

(La Repubblica)Trovata a …

Posticipato di un mese il termin…

Rinviata al 30 settemb…

Ictus: nanovettori per curarlo, …

L'uso di vettori di dimen…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Proteina orexina, legata alla sonnolenza, ha un ruolo cruciale anche nella formazione delle ossa

La proteina orexina, che e’ stata gia’ legata a episodi di sonnolenza diurna spontanea, potrebbe giocare un ruolo cruciale anche nella formazione delle ossa.


A rivelarlo, un nuovo studio condotto dallo UT Southwestern Medical Center e pubblicato sulla rivista Cell Metabolism. Gli scienziati americani, in collaborazione con alcuni colleghi giapponesi, hanno trovato che i topi che mancano della proteina orexina hanno anche delle ossa sottili e fragili che si rompono facilmente a causa dello scarso numero di cellule chiamate osteoblasti, responsabili della costruzione delle ossa.orexin
“L’osteoporosi e’ una condizione molto diffusa, soprattutto nelle donne in post-menopausa. Speriamo che questo studio possa aiutare a comprendere come usare l’orexina per, potenzialmente, trattare questo disturbo” ha spiegato Yihong Wan, tra gli autori della ricerca. L’orexina, in particolare, sembra giocare un duplice ruolo: promuove e blocca la formazione delle ossa.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x