Cinque anni di Legge 38: più luc…

Roma, 13 Marzo 2015 – “Le…

Glicemia: nuovo sistema per misu…

Le persone ammalate di di…

29 OTTOBRE 2009: V GIORNATA MOND…

Annunciato da Alice I…

Dal liquido amniotico cellule st…

Uno studio pubblicato su…

Sclerosi Multipla: attesi i risu…

La ricerca sulla sclerosi…

Le opinioni altrui hanno un'infl…

Anche se a tutti piace pe…

Epatite C: al vaglio dell'EMA l'…

Bristol-Myers Squibb ha a…

Cannabis legalizzata: ma in Colo…

In Colorado la proporzion…

Biotecnologie dedicate al "sorri…

Secondo un vecchio detto,…

Nuova terapia contro obesità e d…

Due professori credon…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cellule tumorali morenti usano lo stesso stratagemma dei neuroni per sopravvivere

La proteina chiamata PARC/CUL9 aiuta i neuroni e le cellule tumorali del cervello a “disabilitare” i meccanismi biochimici che portano le cellule alla morte.

Ma mentre e’ positivo che questa proteina favorisca la sopravvivenza a lungo termine dei neuroni, permettendo il corretto funzionamento del cervello con l’eta’, non lo e’ altrettanto perche’ favorisce anche la crescita tumorale, visto che la stessa proteina garantisce la sopravvivenza a lungo termine delle cellule del cancro.  Queste le conclusioni di uno studio della University of North Carolina Health Care, pubblicato sulla rivista Science Signaling. I ricercatori, quindi, non hanno solo scoperto un meccanismo finora sconosciuto utilizzato dai neuroni per sopravvivere, ma hanno anche dimostrato che le cellule tumorali del cervello sfruttano lo stesso meccanismo per la propria sopravvivenza. La scoperta’ potrebbe portare, in futuro, a nuovi trattamenti efficaci contro il tumore al cervello, e a nuove ricerche che permetteranno di comprendere meglio il morbo di Parkinson.

“Parc e’ molto simile a Parkin, una proteina che e’ mutata nel morbo di Parkinson”, ha detto Mohanish Deshmukh, autore dello studio. “Pensiamo che potrebbero lavorare in tandem per proteggere i neuroni”, ha aggiunto. Se fosse cosi’, i ricercatori potranno studiare l’interazione tra queste proteine per creare farmaci migliori per trattare la seconda malattia neurodegenerativa piu’ diffusa, dopo il morbo d’Alzheimer. Per arrivare a queste conclusioni i ricercatori hanno condotto una serie di esperimenti su colture cellulari e su modelli animali.

“Abbiamo dimostrato che le cellule tumorali del cervello dirottano PARC nello stesso modo e con lo stesso scopo in cui lo fanno i neuroni”, hanno concluso.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!