Gravidanza: nuovo test del sangu…

Sara' maschio o femmina? …

E' tempo di allergie, per molti …

Allergie in forte aumento…

Contro il dolore una nuova molec…

E' un nuovo analgesico ch…

Disfunzione erettile e incontine…

I disturbi del sonno asso…

Apnee notturne: scarsa concentra…

[caption id="attachment_1…

Le strategie segrete dei batteri…

[caption id="attachment_7…

Anti infiammatori FANS a rischio…

Un nuovo studio in via d…

Morbo di Parkinson: scoperta una…

Una proteina chiamata alf…

Controllo glicemico: farlo diven…

In uno studio svolto tra …

La sperimentazione della MUR ris…

Roma, 21 luglio 2014 - Co…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Ipertensione resistente: la diagnosi è necessaria, rigorosa e accurata

Un’accurata valutazione diagnostica potrebbe porre rimedio a molti casi di ipertensione resistente ai trattamenti. Ne sono convinti Franz Weber e Manfred Anlauf, medici rispettivamente della University Essen e del Zentralkrankenhaus Reinkenheide in Germania.

In un articolo pubblicato su Deutsches Aerzteblatt International, i medici hanno spiegato che spesso una diagnosi inadeguata e’ responsabile del cattivo funzionamento dei trattamenti contro l’elevata pressione sanguigna. Una persona con ipertensione su cinque non risponde alla terapia.   Il problema, quindi, e’ piu’ diffuso di quanto comunemente si pensa. E potrebbe essere risolvibile se i medici prendessero in considerazione alcuni fattori. Spesso i pazienti assumono altri farmaci che annullano l’effetto di quelli anti-ipertensivi. In questi casi il trattamento non riesce a controllare la pressione alta.

Tuttavia, secondo gli esperti, e’ un problema risolvibile adeguando il proprio regime terapeutico. Tra le cause dell’ipertensione resistente ai farmaci potrebbe esserci anche la dieta. La liquirizia, ad esempio, fa aumentare la pressione sanguigna. Se ne deduce, secondo i due medici tedeschi, che mangiare troppa liquirizia potrebbe annullare l’effetto della terapia anti-ipertensiva.

Allo stesso modo, i pazienti sensibili al sale possono soffrire di ipertensione se ne mangiano molto, anche se assumono i relativi farmaci. “Una valutazione diagnostica rigorosa – hanno concluso Weber e Anlauf – e’ la chiave per trattare con successo l’ipertensione”. Secondo gli esperti, utilizzando questo approccio quasi la meta’ dei casi classificati come ipertensione resistente al trattamento potrebbe essere trattata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi