Microchip made in Italy che isol…

All’imminente Congresso d…

Ictus: alcuni antidepressivi pos…

L'uso di alcuni popolari …

Parassitosi intestinali: la svol…

I vermi parassiti sono un…

Eventi cardiaci: allo studio la …

I geni hanno un ruolo nel…

Mirtilli, mele, uva contrastano …

Attenzione, però, ai su…

Ictus: ipotermia immediata indot…

Mettere il cervello di un…

Morbo di Crohn: per combatterlo,…

Una nuova ricerca effettu…

Abbandono dei neonati e rischio …

Il caso del piccolo Mario…

Nella farmaceutica l’unica cresc…

Roma, 10 aprile 2015 - “C…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Solfuro di idrogeno, puzza di uova marce, ma scienziati rivelano valenze positive contro tante malattie

Gli scienziati sostengono che il solfuro di idrogeno, un gas riconoscibile per il suo forte, cattivo odore, è assai benefico per la salute e per molte malattie

Il solfuro d’idrogeno, che puzza di uova marce, pare sia in realtà un gas utile contro molte malattie.
Il solfuro di idrogeno è un gas conosciuto forse più per il suo tipico odore di uova marce, che non per le sue qualità intrinseche. Ora, però, a nobilitarlo si hanno pensato gli scienziati dell’Università di Exeter (Uk) che hanno scoperto come il gas sia in grado di offrire benefici per la salute per le persone affette da diabete, ictus, attacchi cardiaci e persino la demenza.H2S

Per arrivare a fare del gas un candidato alla promozione della salute, gli scienziati hanno elaborato un nuovo composto, battezzato “AP39”, che protegge i mitocondri (la centrale energetica delle cellule) e spinge la produzione di energia nelle cellule dei vasi sanguigni.

Prevenire o invertire il danno mitocondriale, spiegano i ricercatori, è una strategia chiave per il trattamento di una varietà di condizioni, quali ictus, infarto, diabete e artrite, demenza e anche l’invecchiamento. I mitocondri determinano se le cellule vivono o muoiono e regolano l’infiammazione. Nella pratica clinica, i mitocondri disfunzionali sono fortemente legati alla gravità della malattia.

Quando le cellule sono stressate dalla malattia, attingono agli enzimi per produrre piccole quantità di idrogeno solforato, ha spiegato il professor Matt Whiteman dell’UE. In questo modo i mitocondri aumentano l’attività e permettono alle cellule di vivere. Se questo non accade, le cellule muoiono e perdono la capacità di regolare la sopravvivenza e controllare l’infiammazione.
I risultati dello studio, pubblicati su Medicinal Chemistry Communications, indicano che se le cellule stressate sono trattate con AP39, consegnando lentamente e specificamente piccole quantità di questo gas ai mitocondri, le cellule rimangono vive.

Sebbene il solfuro di idrogeno è assai noto per il suo pungente, maleodorante odore simile alla puzza di uova marce, è un gas prodotto naturalmente nel corpo umano, e potrebbe in realtà rivelarsi un vero e proprio «eroe sanitario», con implicazioni significative per future terapie per una molteplicità di malattie, conclude il prof. Mark Wood di Biosciences.
Ora, gli scienziati dell’UE stanno lavorando per dare avvio alla successiva fase che prevede il test clinico di AP39 sugli esseri umani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi