A PARUZZARO L’OPEN DAY “SALUTE D…

Il 22 ottobre screening g…

Anemia: gene essenziale in caren…

- Un team di ricercatori …

La prima volta che il DNA sintet…

Ci sono riusciti i ricerc…

Senescenza cellulare: non rappre…

Le cellule tumorali, inse…

Piastrine: studio CNR dimostra c…

Personalizzare i valori d…

Cellule in laboratorio: nuova te…

Coltivare in laboratorio …

Osservatorio oncogeriatrico: per…

La vecchiaia inizia a 70 …

Chemioterapia: esperti pronostic…

La chemioterapia sara' de…

AIDS: Laboratorio virtuale per a…

[caption id="attachment_…

Idrocolonterapia: messi in dubbi…

L'idrocolonterapia, metod…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Dermatologi: è allarme pelle con consumi fast food

I dermatologi lanciano l’allarme sui rischi del cibo fast food per la pelle.


“Il problema è quello che si associa all’hamburger, cioè da un lato le salse che si usano come condimento e, dall’altro, le varie sostanze impiegate per cuocere la carne o il pane. Queste possono provocare spesso una situazione di intolleranza e irritazione che crea dei problemi alla pelle”. junk_foodAd affermarlo è Fabio Rinaldi, dermatologo a Milano e presidente dell’Ihrf, International Hair Research Foundation.

“Particolarmente comuni sono gli arrossamenti del viso, del cuoio capelluto, magari associati a prurito o desquamazioni – aggiunge Rinaldi – Meno frequenti acne, dermatiti irritative e un peggioramento della qualità del sebo per cui la pelle tende a diventare più grassa, infiammata e pruriginosa.

Questi disturbi si manifestano soprattutto in caso di consumo eccessivo di carne fritta che genera un’alterazione degli equilibri degli acidi polinsaturi”.

Attenzione anche per chi è intollerante al lattosio. “Uno che ha questo tipo di intolleranza, e ha tutti i problemi di chi beve il latte, di fronte a un hamburger crede di poter stare tranquillo, invece nella carne dei fast food c’è spesso un’alta quantità di lattosio”, avverte Rinaldi.

Bisogna quindi guardarsi da cosa c’è, ma non si vede. “La carne dell’hamburger di per sé può anche buona, ma, in realtà, è il pane che è trattato e conservato a non essere buono – sottolinea l’esperto – È dunque quello a fare male è non l’hamburger”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: