Trapianti di fegato: l'Istituto …

Milano, 28 gennaio 2015– …

Disturbi alimentari: le dimensio…

La dimensione di alc…

I processi di apprendimento che …

Una nuova ricerca ha iden…

Lo sviluppo di testicoli si stud…

[caption id="attachment_8…

Superbatteri: una mina per tutti…

La piaga dei batteri resi…

Ulcera gastrica curata con le na…

Un paziente con una grave…

Disturbi del sonno: potrebbe ess…

Studio della Harvard Medi…

Piorrea: studi e scoperte verso …

La struttura e il meccani…

Pap test, per la diagnosi dei tu…

Il cancro alle ovaie e qu…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Dermatologi: è allarme pelle con consumi fast food

I dermatologi lanciano l’allarme sui rischi del cibo fast food per la pelle.


“Il problema è quello che si associa all’hamburger, cioè da un lato le salse che si usano come condimento e, dall’altro, le varie sostanze impiegate per cuocere la carne o il pane. Queste possono provocare spesso una situazione di intolleranza e irritazione che crea dei problemi alla pelle”. junk_foodAd affermarlo è Fabio Rinaldi, dermatologo a Milano e presidente dell’Ihrf, International Hair Research Foundation.

“Particolarmente comuni sono gli arrossamenti del viso, del cuoio capelluto, magari associati a prurito o desquamazioni – aggiunge Rinaldi – Meno frequenti acne, dermatiti irritative e un peggioramento della qualità del sebo per cui la pelle tende a diventare più grassa, infiammata e pruriginosa.

Questi disturbi si manifestano soprattutto in caso di consumo eccessivo di carne fritta che genera un’alterazione degli equilibri degli acidi polinsaturi”.

Attenzione anche per chi è intollerante al lattosio. “Uno che ha questo tipo di intolleranza, e ha tutti i problemi di chi beve il latte, di fronte a un hamburger crede di poter stare tranquillo, invece nella carne dei fast food c’è spesso un’alta quantità di lattosio”, avverte Rinaldi.

Bisogna quindi guardarsi da cosa c’è, ma non si vede. “La carne dell’hamburger di per sé può anche buona, ma, in realtà, è il pane che è trattato e conservato a non essere buono – sottolinea l’esperto – È dunque quello a fare male è non l’hamburger”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi