Obesita': sono i fattori ambient…

[caption id="attachment_1…

Da cellule staminali a ovociti n…

Linee di cellule germinal…

Sclerosi Multipla: "l'altra ipot…

La causa della Sclerosi M…

Gravidanza: la voce della mamma …

Per i neonati prematuri a…

Disarmare i batteri e lasciarli …

La prossima strategia nel…

[Corriere.it] Vaccino anti-HPV: …

[caption id="attachment_5…

TRAPIANTI: UNA SOLA CORNEA INTER…

[caption id="attachment_7…

Menopausa: perché il calo degli …

Le donne sono piu' inclin…

Attestazione al merito della Sal…

Il Ministero della Salute…

Cuore artificiale: Italia effett…

L'operazione effettuata g…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Caffè mattutino è benefico: infondati rischi cardiaci e tumori

Niente pericoli nella tazzina di caffè. Anzi. Un consumo regolare al mattino di questa bevanda riduce, seppure lievemente, i rischi di mortalità.

La riabilitazione di questo protagonista delle ‘pause’ più apprezzate nei diversi angoli del mondo arriva dagli esperti di nutrizione dell’università di Harvard, che hanno analizzato i dati medici di 130mila persone su un periodo di 24 anni.  Ebbene, non esiste alcun legame tra consumo di caffè e morti per tumore o per malattie cardiovascolari, come era stato ipotizzato da alcune ricerche negli ultimi anni.

L’elaborazione della vasta mole di dati – coordinata da Rob van Dam – ha indicato che i consumatori abituali, e anche i forti bevitori (fino a oltre un litro, considerando i caffè americani) possono contare su effetti positivi, soprattutto con il consumo al mattino grazie, molto probabilmente, all’elevato numero di antiossidanti presenti.

Ma il via libera alla tazzina non è proprio per tutti. I ricercatori ricordano che ci sono alcuni casi in cui è meglio essere prudenti: le donne incinte, ad esempio, per le quali sono stati indicati rischi di aborto con dosi elevate; gli insonni, le persone che hanno un ritmo cardiaco alterato o chi ha un tasso di colesterolo ‘cattivo’ elevato. In questo ultimo caso il problema è legato ad un componente presente nei grani del caffè (cafestol) che aumenterebbero il rischio di problemi legati al colesterolo.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!