Malati di mieloma e linfoma: mig…

Oltre 9 milioni di person…

Progetto Giovani Pavia ’93: comi…

La campagna, resa possibi…

La quantità assoluta di geni spe…

[caption id="attachment…

Il CHMP europeo esprime parere p…

Foster City, California, …

Pediatria - Inaugurazione Aula D…

PATOLOGIE IN CALO E PATOL…

Parkinson: tre fattori che accel…

[caption id="attachment_6…

Chemio e radioterapia in gravida…

Presentati al congresso E…

Linfoma periferico a cellule T: …

[caption id="attachme…

FIBRE ALIMENTARI “Un prezioso al…

Roma,  giugno 2013. Al 73…

Asma allergico grave: quanto con…

Quando l’asma allerg…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Fecondazione eterologa: il Ministro Lorenzin annuncia legge entro fine anno

“Ho mandato ai capigruppo di Camera e Senato, di tutti i partiti politici, la bozza del decreto” sull’eterologa. “Un decreto molto asciutto per permetterci di partire in sicurezza.


Io credo se Camera e Senato cominciassero a lavorare subito, probabilmente si riuscirebbe ad arrivare per il mese di dicembre o di gennaio” ad una legge. Lo ha detto il ministro della Salute Beatrice Lorenzin, ospite della trasmissione di Rai Uno, ‘Unomattina’. Secondo il ministro, i tempi per una regolamentazione legislativa in materia di fecondazione eterologa sono infatti a questo punto “legati a un intervento del Parlamento”.
fecondazione_eterologa
Secondo il ministro, l’assenza di una legge in materia potrebbe portare al caos. Addirittura – ha spiegato – casi come lo scambio di embrioni al Pertini, “potrebbero succedere all’ennesima potenza se noi non discipliniamo in modo regolare e in modo armonico l’eterologa”. “Siamo tutti scossi da caso Pertini nelle nostre coscienze. Al Pertini – ha aggiunto – c’è stato un problema di tipo procedurale. La Regione Lazio non aveva accreditato i centri, era in ritardo di 10 anni”.

Lorenzin ha poi sottolineato che, autorizzata l’eterologa, “si devono fare anche i controlli”. E chi fa fecondazione assistita “deve avere gli stessi controlli in tutte le strutture sanitarie”.

Per esempio, “i controlli sui trapianti sono strettissimi – ha spiegato il ministro – per garantire la sicurezza delle persone e garantire che non ci siano incidenti. Pensiamo alle cause degli emotrasfusi per le partite di sangue infetto.

Possono succedere le stesse cose in questo caso. Quindi – ha concluso – dobbiamo essere rigorosissimi, nell’applicare la norma e pretendere la massima sicurezza”. In particolare per le “coppie che affrontano un percorso faticoso. Devono poterlo fare in serenità, con un prezzo accessibile – perché non deve essere riservato solo ai ricchi – e devono sentirsi tranquilli nel nostro servizio sanitario”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi